Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Svizzera: autorizzato l’abbattimento del lupo del Goms

Svizzera: autorizzato l’abbattimento del lupo del Goms

Il lupo del Goms, nell’alto Vallese, potrà essere abbattuto a fucilate. È questa la tragica notizia che arriva dalla Svizzera.

L’autorizzazione è stata concessa per una durata di sessanta giorni ed ha effetto immediato in tutta la zona degli alpeggi che “non è possibile difendere dal predatore”, responsabile, secondo le autorità svizzere, di aver ucciso 39 pecore tra luglio e agosto.

La decisione dell’abbattimento sarebbe stata presa perché, secondo i criteri fissati dalla Confederazione in merito alla “Strategia Lupo”, un predatore può essere ucciso quando uccide almeno 35 animali da reddito nell’arco di quattro mesi consecutivi o almeno 25 animali da reddito nell’arco di un mese.

Altri dettagli sulla questione non sono, al momento, noti, ad esclusione del fatto che l’uccisione riguarderà un numero imprecisato di esemplari.

Foto: repertorio (fonte Wikimedia).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Marina scusami sono d’accordo con te ma tra risolverlo in maniera drastica e ovviarlo in un’altra non mi sembra male come pensiero.
    Nel senso che se la decisione è tra spostarlo e ucciderlo ti sembra una vera stronzata? perchè se per te lo è, non penso che quei poveri lupi la pensano come te.
    Ovvio che quello è il loro habitat ma se proprio alternativa non c’è, e visto che lì è molto drastica la situazione e non ci pensano due volte a farli fuori penso che sia una delle migliori soluzioni. Un’altra possibile soluzione sarebbe creare una piccola riserva all’interno del loro habitat con recinzioni, in modo da non poter attaccare più le pecore, ma anche in questo caso stiamo parlando in pratica di chiuderli in gabbia.
    Purtroppo finché le persone non capiranno la realtà delle cose e cosa sia giusto e sbagliato, rimarremo arretrati come cultura verso gli animali.

  2. Marina sono pienamente d’accordo con te!
    Ma siamo arrivati ad un punto veramente agghiacciante…

  3. Non si deve ammazzare. Quello è il suo ambiente naturale, la perdita delle pecore viene (come in tutti gli stati) rimborsata, quindi smettiamola di sparare ad un predatore perché fa ciò che è nella sua natura fare. E, scusate, ma anche spostarlo è una vera stronzata. Ma cos’è un pacco postale??? Siamo seri. Quella è la sua terra, quello è il suo ambiente.
    Bella proprio la svizzera. Veri cultori della cività.

  4. Che senso ha ucciderlo?!?!?!?!?!

    Portatelo nel suo ambiente, in un parco protetto!!
    In realtà siamo noi che occupiamo i loro ambienti e sopratutto non possiamo uccidere degli esseri viventi solo per il gusto di farlo, quando finiranno queste persecuzioni?

    NO ALLA MORTE! W I LUPI!!

  5. non lo volete? datelo a noi! Sono sicura che lìoasi faunistica del parco Naionale dell’Adamello sarebbe felice di pren
    derselo!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com