Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Firenze: il gatto sul tetto per giorni, rimpallo di responsabilità

Firenze: il gatto sul tetto per giorni, rimpallo di responsabilità

“Buongiorno, sono le ore 3.20 del 15 agosto 2013, dopo vari e vani tentativi effettuati presso gli uffici e le associazioni preposte alla salvaguardia degli animali domestici, mi rivolgo a voi per segnalarvi la seguente vicenda:

“da ormai quattro giorni, incessantemente, durante il giorno e la notte, sui tetti di via Fillippo Brunetti dai civici dal 5 al 17, vi è un gatto in difficoltà che miagola poiché non riesce più a scendere”.

Il giorno 13 agosto 2013, dopo svariati tentativi telefonici, sono riuscita a contattare personale dell’E.N.P.A. (055 213296) il quale mi ha riferito che avrei dovuto attendere un altro giorno e che comunque il gatto avrebbe provveduto da sé a ritrovare la strada di casa, anche preso dai morsi della fame, e comunque loro non potevano fare nulla dicendomi di rivolgermi ai VV.FF.. Dimenticavo c’è da inserire anche un balzo di sette metri che il gatto potrebbe fare a dire di questa persona. Pensando che l’interlocutore avesse più dimestichezza ed esperienza nel settore rimanevo in attesa degli eventi.

Altra notte di passione con il continuo miagolio di questo povero gatto. Nella mattinata del 14 agosto 2013 ho ricontattato l’E.N.P.A. spiegandogli la situazione, l’interlocutore dopo aver preso il mio nominativo ed il mio numero di telefono, dopo poco, mi ricontattava dicendomi che loro non potevano intervenire e che mi sarei dovuta rivolgere ai VV.FF. (115).

Contattati quest’ultimi mi dicevano che loro non potevano intervenire sul tetto poiché ci potevano essere delle situazioni di criticità per l’operatore il quale non aveva comunque una zona ben circoscritta in cui lavorare, elargendo consigli su come intervenire del tipo procurarsi un’asse di legno per agevolare la discesa dell’animale.

A questo punto contattavo l’Ufficio dei Diritti degli Animali del Comune di Firenze il cui interlocutore mi diceva di rivolgermi ai VV.FF. (già fatto) oppure all’Associazione A.M.A. – alla cui utenza risponde una segreteria telefonica.

Contattavo la A.S.L la quale mi rimandava alla citata Associazione.

Una mia amica, da me allertata, sempre nella giornata di ieri contattava dapprima i VV.FF. i quali riferivano che prima o poi il gatto sarebbe sceso, e poi la Polizia Municipale che gli diceva di rivolgersi ai VV.FF..Risultato il gatto è ancora sul tetto in attesa che qualcuno possa aiutarlo a scendere da quel tetto che scotta.

Quanti giorni ancora il gatto potrà resistere a queste temperature estive senza acqua né cibo? Dobbiamo sperare che qualche supereroe dei fumetti salga sul tetto e salvi il povero gatto? Che si trovi un’asse di legno lunga dieci metri? Oppure paracadutare qualcuno sul tetto? Se il gatto è impaurito mi dite voi dove trova il coraggio di scendere?”

Quante belle parole e quanti spot pubblicitari troverete sui siti di queste associazioni animaliste…e poi abbiamo il coraggio di parlare di animali abbandonati? Facciamo una seria riflessione sull’argomento e non meravigliamoci sull’indifferenza che ci circonda. Un miagolio di aiuto che nessuno ascolta”.

Infine, i Vigili del Fuoco sono intervenuti nella mattinata del 15 agosto scorso. Tuttavia il micio, in stato di shock, è fuggito senza essere stato mai più ritrovato né soccorso.

Foto: il gatto sul tetto (fonte La Nazione).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Sono socia di diverse associazioni cosiddette “importanti”, ma da un po’ di tempo sento diverse critiche nei loro confronti e allora mi chiedo se anche queste che tanto si riempiono la bocca con il loro amore per gli animali non siano diventate, come succede sempre in questo cavolo di paese, dei carrozzoni burocratici e mangiasoldi. Anche l’Enpa chiamata dalla Signora non si sente in dovere di replicare o quanto meno spiegare il loro non intervento?

  2. Complimenti.
    Una vera merda!
    Bravi, bravi.

  3. Come volevasi dimostrare se mai ce ne fosse bisogno ancora una volta! Alla facciazza di tutti questi bei numeri verdi pro-animali che sono spuntati come funghi questa estate!!! Telefona di qua, segnala di là, contatta su, segnala giù e intanto nessuno alza il sedere dalla sedia!!!! Solo propaganda mediatica per raccattare soldi! Vergogna!
    Anche a noi, zona Milano e Provincia sono capitate situazioni analoghe: i pompieri sono usciti anche abbastanza celermente, però ci doveva essere una persona sul posto che si prendesse poi in carico il gatto recuperato.
    Mi dispiace per quel povero gatto: chissà che fine avrà fatto? Speriamo che si possa sapere.

  4. Storia di ordinaria amministrazione…..gli enti pubblici preposti agli interventi si palleggiano le competenze facendosi beffa delle leggi

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com