Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Firenze: cittadino cerca di aiutare piccione ferito, istituzioni assenti o indifferenti

Firenze: cittadino cerca di aiutare piccione ferito, istituzioni assenti o indifferenti

Il giorno 6 agosto 2013 alle ore 11,15 circa, mentre percorrevo con il mio motorino CC50 la Strada Provinciale Imprunetana per Pozzo, in direzione Firenze, mi accorgevo, ai margini della strada, pochi metri dopo l’incrocio per località San Gersolè, di un piccione ferito, con ala sinistra sanguinante in maniera abbondante.

Inoltre la detenzione di tutta la fauna selvatica è vietata dalla legge n.157/92 la quale legge prevede che entro 24 ore l’animale deve essere consegnato ad un ente autorizzato e competente per il soccorso.

Si fa altresì presenti che il Decreto del Presidente della Repubblica 31 marzo 1979 – Perdita della personalità giuridica di diritto pubblico dell’Ente nazionale protezione animali – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 giugno 1979 n.150, all’Articolo 3 stabilisce chiaramente che “E’ attribuita ai Comuni, singoli o associati ed alle comunità montane, ai sensi degli articoli 27, primo comma, lettera a), e 18 del DPR 24 luglio 1977 n.616, la funzione esercitata dall’Ente nazionale protezione animali relativi alla protezione degli animali ed alla difesa del patrimonio zootecnico”.

Inoltre la Comunità Europea e lo Stato Italiano hanno ratificato il Trattato di Lisbona sulla protezione ed il benessere degli animali, pubblicato sulla GUCE C340 del 10 novembre 1997. “Le alte parti contraenti, desiderando garantire maggiore protezione e rispetto del benessere degli animali, in quanto esseri senzienti”.

E ad un essere senziente è dovuta l’assistenza in caso di ferimento.

Intorno alle 11,30 circa arrivavo al Comando di Polizia Municipale del Comune di Impruneta, posto nel Palazzo Comunale sito nella piazza antistante la Basilica, dove trovavo una vigilessa.

La vigilessa, dopo avergli spiegato il fatto, si rifiutava di prendere in consegna il piccione, dicendo che il Comune si occupava eventualmente solo di cani, e che avrei dovuto provvedere personalmente alle cure del piccione, recandomi, a mie spese, da un veterinario.

Facevo presente che sul territorio provinciale dovrebbe esserci un ente preposto all’assistenza di animali vittime di incidenti e che quindi avrebbe dovuto mettersi in contatto telefonico con la Polizia Provinciale.

La Polizia Provinciale confermava telefonicamente alla vigilessa quanto da me detto, e forniva alla stessa un numero di cellulare dell’ente preposto, la Lipu, la quale però, contattata telefonicamente via cellulare dalla vigilessa, diceva di essere impossibilitata al recupero dell’animale e che si doveva provvedere alla consegna, presso di loro a Greve in Chianti, per conto proprio.

Facevo quindi presente che avendo io solo un motorino CC50 non ero in grado di recarmi a Greve in Chianti, distante vari chilometri, e che quindi il Comune poteva provvedere in qualche modo, come richiesto dalla vigente disposizione di legge.

Di fronte al rifiuto della vigilessa mi recavo al piano superiore dal Sindaco.

La vigilessa, congedandomi, non mi forniva nessuna indicazione sulla Lipu né il loro numero di telefono/cellulare.

La segretaria del Sindaco, la signora Rossana, si rifiutava non solo di prendere l’animale, ma anche di mettermi in contatto con il Sindaco, nonostante facessi presente che la Legge pone il Primo Cittadino come primo referente per determinati servizi/situazioni come questo.

Dopo alcune mie insistenze, e aver fatto presente la mia professione, ovvero giornalista, la segretaria si recava dal Vice Sindaco, il quale, dopo alcuni minuti, veniva da me ripetendo che non era loro dovere provvedere al recupero e all’assistenza dell’animale, ma che se aspettavo, forse mi avrebbero dato alcune informazioni, in quanto la segretaria nel frattempo provvedeva a contattare telefonicamente vari enti e associazioni.

Dopo altri 10/15 minuti circa lasciavo il Palazzo Comunale, visto che il Vice Sindaco si rifiutava di prendere in custodia il piccione e di inoltrarlo a chi di competenza.

Alla luce di quanto sopra e facendo presente che:

1) Tutti gli animali in base al titolo IX-bis del Codice penale sono protetti dai maltrattamenti e la mancata somministrazione di cure ad un animale è stato identificato da sentenze della Corte di Cassazione come un vero e proprio maltrattamento.

2) Che la Legge 20 luglio 2004, n.189 “Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 178 del 31 luglio 2004, prevede all’Art. 544-bis “Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre mesi a diciotto mesi”. E la mancata assistenza può portare alla morte

CHIEDO:

intervenire penalmente, in base alla vigente normativa sulla mancata assistenza agli animali e/o agli essere senzienti in generali nei confronti di tutti coloro – Vigilessa, Segretaria del Sindaco, Vice Sindaco – e del Comune di Impruneta

· per non aver provveduto a prendere in carico l’animale ferito

· per non aver fatto intervenire sul posto altro ente preposto all’assistenza al volatile

· per non essersi assicurati che l’animale ferito ricevesse tutte le cure necessarie

· per non essersi assicurato della guarigione dell’animale

Faccio presente che nonostante mi sia qualificato, indicando le mie generalità, nessuno al Comune di Impruneta si è premunito di prendere i miei recapiti telefonici per verificare la fine dell’animale, che continuava a perdere sangue.”

Testimonianza fornita dal soccorritore e pubblicata, tra l’altro, sul quotidiano La Nazione

Foto: repertorio (fonte Wikimedia).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Ma figuriamoci se qualche anima bella si smazzava per un piccione: dappertutto fanno l’abbattimento, purtroppo! E comunque, al di la di tutto, noi lo sappiamo bene che chi fa da sé fa per tre!

  2. Mi è capitata una situazione analoga, ma decisamente ben diversa alcuni mesi fa con un piccione.
    Ho chiamato immediatamente la Forestale su consiglio di un’associazione che per inderogabili e motivate ragioni non ha potuto espletare le proprie funzioni, ma siccome era domenica sera mi hanno risposto che solo la mattina seguente si sarebbe potuti intervenire in caso.
    Alla fine tutto ok, capito l’andazzo ce la siamo visti io e il piccolo amico grigio (mangiare, bere, stallo notturno) e la mattina…è volato via. Fortunatamente era solamente stordito (capita spesso e se fosse stato ferito mi sarei rivolto ad un veterinario).

    Mi domando a parte la legge che funziona solamente per chi dicono loro, ma il piccione, che fine ha fatto?
    Fa bene il signore – che ringrazio di cuore per il suo gesto – a denunciarli, ma tanto vale più uno sputo per terra che un’esposto oramai.

    Chissà cosa avrebbe fatto Mike Tyson….non lo voglio neanche immaginare!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com