Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Ancora avvelenamento di randagi, stavolta a Canicattì

Ancora avvelenamento di randagi, stavolta a Canicattì

Sono quattro i cani randagi che, a Canicattì, sono stati trovati senza vita dopo aver ingerito alcuni bocconi avvelenati. I corpi sono stati individuati nel quartiere di Oltreponte.

Tutte e quattro le vittime erano parte di un branco che, fino a qualche tempo fa, veniva regolarmente accudito da una residente della zona.

I resti recuperati sono stati trasferiti presso l’Istituto Zooprofilattico di Palermo per la definizione precisa della causa del decesso.

Foto: repertorio (fonte Henri Bergius-Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Lo so, Johnny… Lo so… 🙁

    A Sergio: non soltanto al Sud, purtroppo… L’ignoranza e la malvagità non credo abitino in qualche luogo geografico, ma nei singoli individui.

    Un abbraccio.

    Eli

    ***

    Permettetemi quest’altro copia/incolla (già copiato ed incollato in un altro post di A4A):

    MALTRATTAMENTI / VELENI

    Cosa stabilisce quali siano i casi di “maltrattamento di animali”?
    Se credete che basti veder picchiare un animale per poter parlare di maltrattamento, vi sbagliate. Essere denutrito, essere costretto a vivere in uno spazio angusto e che limita i bisogni fondamentali quai movimento minimo, luce, aria e così via, rende un animale maltrattato. Alcuni esempi? Un cane alla catena e con la catena troppo corta per muoversi liberamente e/o in assenza di un riparo per proteggersi dal caldo o dal gelo; un cane visibilmente malato o denutrito; persone che chiedono elemosina “sfoggiando” al loro fianco un cane scheletrico.
    Chi maltratta un animale commette un reato e in base alla Legge 189/2004 può essere punito con l’arresto fino a 1 anno, o con un’ammenda sino a 10.000 euro: le leggi 281/1991 e 189/2004 stabiliscono che è vietato abbandonare, picchiare, uccidere un animale, così come costringerlo a vivere in condizioni incompatibili con le peculiarità e i bisogni propri della specie a cui l’animale appartiene. Nei casi di maltrattamento più particolari, occorre considerare anche le leggi regionali e i regolamenti comunali.
    Che fare se si trovano cibi sospetti in strada (veleno? esche/bocconi avvelenati?)
    Segnala il tutto a un veterinario e agli organi di Polizia Giudiziaria, subito! Leggi i dettagli nella scheda utile di riferimento. Se i veleni/bocconi avvelenati si trovano nella tua zona o condominio, segnala pubblicamente il tutto (si veda il relativo fac-simile)
    Cosa fare quando si trova un animale selvatico o di affezione morto con sospetto di avvelenamento?
    Porta l’animale da un veterinario e poi segnala il tutto alle autorità (polizia, carabinieri, etc.), meglio se avendo con te il referto del veterinario. Qualora tu incorra in un’esca o boccone avvelenati, NON manipolarli a mani nude e inoltre ponili in sacchetto di plastica, da far poi recapitare alla Polizia Provinciale. Si veda anche la scheda utile di riferimento.
    Come si riconoscono le esche avvelenate?
    Le esche spesso si presentano in varie forme, leggi tutto nella scheda utile di riferimento.

  2. E’ una cosa davvero orribile, sono atti disumani Elisabetta, di umano non credo ci possa essere qualcosa riprendendo il significato classico del termine.

  3. Mi dispiace evidenziarlo, ancora una volta…. simo al sud dove il randagismo è unn fatto grave ma dovuto all’insipienza dei cittadini

  4. Che tristezza senza fine… Tutto questo male non ha nome… ha mani umane, ha volto umano, ha impronta umana, ma non può essere chiamato in qualche modo. Tanto male può essere aggettivato; infernale, crudele, malvagio… ma non bastano questi aggettivi a connotare certi atti… “umani”.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com