Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Manfredonia: il cane bruciato in strada, tra l’indifferenza dei passanti

Manfredonia: il cane bruciato in strada, tra l’indifferenza dei passanti

È un cittadino di Manfredonia a denunciare, con una brevissima missiva, un orrendo episodio di maltrattamento di animali avvenuto nella cittadina pugliese.

L’uomo, che si trovava a passeggio con la figlia di dieci anni, ha infatti notato, in mezzo alla strada, il corpo bruciato di un cane.

Questa la sua testimonianza: “Rientrando a casa con mia figlia di 10 anni all’angolo della Clinica San Michele, in via Cozzolete, mi è apparsa improvvisamente una scena raccapriciante: un cane morto bruciato e l’indifferenza della gente che passava. Ho allertato i vigili urbani per raccogliere i resti di quella povera bestiola. Manfredonia una cittadina senza cuore”.

Il testimone segnala che la bambina ha pianto fino a che non si è addormentata, turbata da quanto aveva visto.

Non è chiaro, al momento, né cosa sia accaduto all’animale né se il suo corpo sia stato rimosso e preso in custodia.

Foto: repertorio (fonte InkHong-Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

11 Commenti

  1. Sempre a CIRO:

    ed ora, dopo la lettura degli ultimi commenti, pensi ancora che siamo NOI, il branco di “buonisti inutili” che straparlano?

  2. Lo sai quanto ci vuole a putrefare un gatto in mezzo alla strada?
    Parecchio tempo.
    Lo sai che chi investe anche accidentalmente un animale e non presta soccorso compie un reato? (Molta gentaglia lo fa anche apposta).
    Studia.

    Lo sai che è buona regola – nonché semplice buonsenso – chiamare chi preposto per raccogliere animali morti dalla strada invece che farli putrefare sotto gli occhi di tutti (vedasi la bimba che ha pianto fino allo sfinimento) generando anche pericoli di carattere sanitario come in questo caso?

    Lo sai che sono proprio i buonisti con mille scuse e giustificazioni a rendere questo mondo ancora peggiore?

    Ci sei andato a scuola Ciro?

  3. Riscrivo per completare la precedente mail. Qualcuno ha scritto che questo animale cane o gatto che sia era stato ACCIDENTALMENTE investito da un’auto. Ma dove vive questa persona? Non sa che nel novanta per cento dei casi l’accidentalmente è una barzelletta dato che quasi sempre si investono di proposito i cani e i gatti che hanno la disavventura di attraversare le strade di questo cazzo di paese.

  4. Scusate ma non capisco questa distinzione: era un cane, no era un gatto. E allora? Dove sta la differenza ? Per me era un essere vivente dotato di intelligenza, amore, dolore lasciato morire in strada dall’essere più bastardo in assoluto : l’uomo.

  5. Infatti, cari amici di A4A. E’ quel che penso anch’io. Alla fine cosa cambia? Perché fare distinzioni?
    Mi sono sempre fermata, andando in auto e vedendo un animale morto sulla strada. Sempre l’ho spostato di lato, perché le macchine non maciullassero ulteriormente quel corpicino senza vita… e questo NON è “buonismo”! E’ rispetto per gli esseri, anche dopo morti. E’ compiere un gesto di affetto perché quel corpo, “anche” se non umano, non sia soltanto una carogna.
    A noi umani la balordaggine dei “bazar della morte”, lo sperperare soldi a dx e a sn, con bare e fiori e monumenti… A loro invece, agli animali, spesso più meritevoli di noi umani nemmeno un gesto di BONTA’, altro che buonismo!

  6. in effetti non è che un gatto investito e lasciato a marcire sia una cosa bella o particolarmente edificante…

  7. A Ciro:
    – spero che la tua affermazione “era un gatto investito, ecc.” sia “fondata” su fatti inconfutabili.
    – “evitiamo buonismi inutili” puoi anche evitarlo; non credo che qui ci sia qualche “buonista”.

    Ciao.

  8. spero che chi ha dato fuoco a quel povero cane si senta bruciare dentro fin che campa.merdaccia!!!

  9. Agli umani che compiono certe azioni auguro sempre la stessa cosa: ogni male possibile e nulla più.

  10. Noto che la maggior parte di questi fatti avvengono al sud. E’ solo una mia impressione o sarebbe meglio evidenziare questo fatto?

  11. non era un cane, era un gatto investito accidentalmente da una macchina nei giorni precedenti che era andato in putrefazione pieno di mosche. evitiamo buonismi inutili e infondati

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com