Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / L’Emilia Romagna dice no all’allevamento di animali da pelliccia

L’Emilia Romagna dice no all’allevamento di animali da pelliccia

““Divieto di allevare, catturare e uccidere animali per la produzione di pellicce”. È l’auspicio contenuto in una risoluzione votata quasi all’unanimità dall’Assemblea legislativa (hanno dichiarato il voto contrario i soli Luca Bartolini e Enrico Aimi del Pdl), con cui si impegna la Giunta regionale a trasmettere il documento ai presidenti di Senato e Camera a sostegno dell’approvazione di una proposta e di un disegno di legge su questo tema, testi sottoscritti da numerosi parlamentari di diversi schieramenti politici e appoggiati da una petizione di iniziativa popolare indetta dalla Lav, firmata da quasi 100.000 persone.

Gabriella Meo (Sel-Verdi), prima firmataria della risoluzione, ne ha illustrato i contenuti ricordando, tra l’altro, che in Europa l’allevamento da animali da pelliccia “è un’attività in declino e sempre più Stati membri stanno adottando provvedimenti normativi non solo restrittivi e disincentivanti, bensì veri e propri provvedimenti di messa al bando”.

Il testo è stato sottoscritto anche da Roberto Sconciaforni (Fds), Gian Guido Naldi (Sel-Verdi), Marco Monari (Pd), Liana Barbati (Idv), Andrea Defranceschi (Mov5stelle), Matteo Riva e Giovanni Favia (Misto).

In Aula, si sono aggiunte le firme di Giuseppe Paruolo, Roberto Piva e Roberto Montanari (Pd), Mauro Malaguti; Andrea Pollastri e Andrea Leoni (Pdl) e Mauro Manfredini (Lega nord).

Fra le diverse ragioni addotte dai consiglieri a sostegno del sì “convinto” al documento, il fatto che l’obiettivo della proposta “è di grande civiltà”, trattandosi di “una visione etica da ogni punto di vista” e che “l’impegno non deve esaurirsi in quest’Aula, ma continuare in Parlamento”.

Comunicato stampa reso noto da Quotidiano ER dell’Assemblea Legislativa.

Foto: le condizioni di un animale detenuto in un allevamento da pelliccia (repertorio, fonte Wikimedia).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Bisogna sempre sperare e soprattutto continuare a combattere

  2. Dopo l’abruzzo anche l’Emilia, ne sono felice.
    Mi auguro che venga esteso il bando a livello nazionale e presto anche tutti gli altri paesi del mondo.
    Quel povero animale nella foto è il simbolo della vergogna e della sofferenza, tutto questo è disgustoso.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com