Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Catanzaro: cucciola abbandonata vicino alle rotaie, sdegno dei cittadini

Catanzaro: cucciola abbandonata vicino alle rotaie, sdegno dei cittadini

“Mi faccio portavoce di un malessere diffuso, che ho avuto modo anche io di respirare ieri. Ieri pomeriggio in via Carlo V, nei pressi delle rotaie delle ferrovie calabro-lucane, è stata trovata una cucciola di cane di circa 3 mesi. Pare che gli abitanti della zona la sentissero piangere dalla notte precedente. Sul posto si sono radunate diverse persone attirate dai lamenti e dai pianti. Sono arrivata anche io sempre con il passa parola. La cucciola si è calmata solo quando è riuscita e ripristinare un contatto umano ed è stata fatta oggetto di coccole e carezze una volta recuperata e portata sulla strada. Il problema, che tutti i presenti si sono posti in quella circostanza, a quel punto è stato: “E ora?”.

Sono stati allertati con più telefonate i vigili urbani di Catanzaro ed una pattuglia è intervenuta sul posto. I vigili hanno allertato l’ASL affinché intervenisse un veterinario reperibile, ma la risposta di tale veterinario, rimasto ai più ignoto, era che sarebbe intervenuto solo nel caso in cui il cane ritrovato fosse ferito. Per tale motivo non ci avrebbe degnato della sua presenza. Orbene, personalmente ho chiesto ai vigili quale fosse la prassi in queste circostanze ma mi veniva risposto che non vi era una prassi e che al più, il giorno dopo, sarebbe stato chiamato “l’accalappiacani”. Abbiamo chiesto ai vigili di contattare immediatamente il sindaco e farlo intervenire sul posto, per rendersi conto di quello che quotidianamente i nostri occhi registrano impotenti mentre si spostano su questo territorio ma ci è stato risposto che in quell’ora era difficile trovare il primo cittadino presso il comune.

Il problema del randagismo e degli abbandoni di animali è, con evidenza, sotto gli occhi di tutti, ma pare che questa amministrazione, impegnata a fare riunioni e chiacchiere sul tema, non se ne curi più di tanto. Non so chi avrebbe lasciato lì, a due passi dalle rotaie, un cucciolo di cane, simile nel pianto e nella voglia di essere preso in braccio e portato “a casa”, a quello dei nostri bambini.

Non si può, ad estate ormai inoltrata, non aver previsto un fenomeno così orribile ma così diffuso come quello degli abbandoni, predisponendo, laddove non vi siano canili pronti ad accogliere tutti i poveri animali abbandonati su questo territorio, una convenzione o qualcosa che vi somigli per poter sopperire a questa che ormai è una vera e propria emergenza. Le associazioni, che si sostituiscono alle Istituzioni locali, sono ormai al collasso. Che si deve fare quando si trova un cane o un gatto abbandonato per strada? Girarsi dall’altra parte? Rendersi complici? Per fortuna ho conosciuto persone ieri sera, più sensibili dei loro governanti, che sono state ben tre ore con me ad occuparsi di una cucciola abbandonata. Ieri, tutti quelli che sono intervenuti in via Carlo V, chiedevano, a due poveri vigili, di fare qualcosa che fosse nelle loro competenze senza ricevere nessuna risposta dotata di un senso. Gli stessi tuttavia si sono impegnati personalmente per trovare una sistemazione, rimanendo sul posto anche ben oltre il loro turno di servizio, attaccandosi ai telefonini, come tutti i presenti, che cercavano tra amici e parenti qualcuno disposto ad accogliere un cucciolo.

Alla fine nella zona si è svolto un piccolo consiglio comunale in notturna: Emanuele, un ragazzo molto giovane ma di grande sensibilità, svolgendo il ruolo di “sindaco” per una serata, si è appropriato del problema e le ha offerto un tetto per la notte, quello della sua casa. I restanti presenti, nel ruolo di consiglieri, non avendo trovato nessuno disposto ad accoglierla, si sono offerti di dividere la cifra da pagare per permetterle, si augura temporaneamente, di vivere in una pensione a pagamento, lontana dalla strada e di avere assicurato un pasto. In attesa che la piccola sia più fortunata di tanti suoi simili, che in questo periodo arricchiscono l’asfalto delle nostre strade.

Marinella Martina”.

Testimonianza di una cittadina catanzarese riportata dal magazine CatanzaroLive. 

Nella foto: la cucciola abbandonata (fonte CatanzaroLive).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. Cara Marinella Martina, quello che hai scritto è molto bello, ma anziché far vedere come scrivi bene, coinvolgere tutte le forze pubbliche che tanto non ci cagano di striscio, non te lo potevi portare a casa tua? Che male ti avrebbe fatto? Io ho tre cani, li amo, perché per amare loro rinuncio tanto per me stessa. BASTA E CHE CAZZO MA SE OGNUNO DI VOI CHE SCRIVE SI PORTASSE A CASA UN CANE? Ma…..potremmo ugualmente sensibilizzare tutto quello che vuoi ma intanto si risolve un problema
    Ciao cara e prenditelo un altro cane se magari uno ce l’hai già. Bye

  2. Patrizia Danieli

    Denunciate in massa ma singolarmente il sindaco, il veterinario che si è rifiutato di uscire e tutti coloro che si sono lavati le mani x questo cucciolo e per tutti gli altri. È ora di finirla e solo agendo concretamente si potrá cambiare… basta con l’ omertá o con il clima di terrore, facciamoci sentire!

  3. Il mio pensiero si accorda perfettamente con le vostre parole, e sono felice di sapere che ci sono persone che la pensano così.
    Io aggiungerei alle sanzioni i “lavori socialmente utili” LSU (per non dire forzati).

    Infine vorrei ringraziare le persone che si curano di questi animaletti sfortunati, Grazie.

  4. Beh in un paese dove chi comanda nn si occupa dei cittadini umani (mah non so spesso abusiamo di questa aprola) figurati se si pongono il problema dei cittadini animali..(e anche qui sabbe meglio specificare l’uso della parola) quindi pretendere cheprendano provvedimenti con leggi..ma mi viene da ridere (se nn fosse che ci sarebbe da piangere e basta). In ogni caso cominiciamo magari con: pene molto pesanti a livello monetario per chi prende un animale e poi lo abbandona…per strada, pena a vita sempre monetarie per chi li maltratta (obblighiamoli a spendere per il mantenimento di un animale…ovviamente a distanza) pena monetaria anche per chi li riporta in canile/gattile non importa obblighiamoli a mantenerli finchè nn trovano un nuovo padrone..tassa a cucciolo per ogni nuovo nato…con obbligo di trovargli un padrone o ovviamente il mantenimento se non li tengono (magari smettiamo di far accopiare i ns cani perche sono cosi carini…da piccoli..) e per meglio controllare Leggi sul rischio di ritiro dalla professione per i veterinari che nn denunciano, gravidanza,maltrattamenti ecc….
    Gli esseri umani..che abbandonano,.maltrattano esseri viventi possono essere colpiti e fermati solo…colpendo nel posto che fa piu male..IL PORTAFOGLIO!!

  5. maurizio gioia

    Grazie a tutti gli aiuti, Bisogna aumentare le pene !!! Detenzione e Blocco immediato dei beni di questi individui. Il ricavato andrà per sostentamento del’animale, multa salatissima ! e tutti gli introiti verranno messi a disposizione dei canili !! Sarebbe un aiuto concreto e un gesto di civiltà !! ….Meno randagismo, meno torture (abusi) ecc.ecc. Il meridione è pieno di questi episodi…..Un anno fa ho cercato di prendere per le strade in puglia dei cani abbandonati a se stessi,con l’indifferenza dei cittadini come tutto fosse più che normale ,circa 70;80 cani visti “in 3 giorni”..i vigli urbani, la polizia di stato, i carabinieri passavano vicino a questi gruppi di cani seduti, sdraiati nelle strade gli suonavano non diminuivono nemmeno la velocità (sempère sopra i limiti consentiti.) In campania stessa storia….In più abbiamo trovato ” finalmente il mercato abusivo degli uccellini di cattura…venivano accecati con spilli per farloi cantare meglio ( poveri stronzi umani, bastardi……), le pattuglie giravano per la strada ma facevano finta di non vedere. Qunado abbiamo avvisato striscia la notizia si sono mobilitati……Ma fuori dei bar vedevamo le pauttuglie per delle ore a prendere dei caffè o solo sostare ….COSI FUNZIONA IL NOSTRO PAESE !!

  6. Ma cazzarola, siamo sempre alle solite: quando c’è da intervenire concretamente dove cavolo sono le grandi associazioni miliardarie che dicono di avere anche da quelle parti volontari, sedi, punti di riferimento, sezioni e compagnia cantando????? Solo capaci di fare grandi pubblicità mediatiche e quando c’è da fare qualcosa per un animale vero se non c’è la televisione o il fotografo di turno a riprenderli possibile che nessuno alzi il sedere dalla sedia? E adesso che fine farà quella povera cagnolina cristo santo?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com