Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Appelli / [EMERGENZA] Napoli: badilate in faccia alla cagnolina

[EMERGENZA] Napoli: badilate in faccia alla cagnolina

È stata quasi ridotta in fin di vita, la cagnetta presa a badilate in faccia a Napoli e soccorsa da una volontaria.

Al momento del recupero, lo scorso 22 giugno, l’animale barcollava sanguinando per la strada.

La cagnetta è stata ribattezzata Emily e immediatamente ricoverata presso un locale veterinario, che ha riscontrato sul suo corpo i segni della violenza e dell’incuria: muso tumefatto, danni alle costole, edema polmonare e svariate infezioni sono i risultati delle prime analisi, che andranno comunque approfondite.

Le sue condizioni sono gravi.

Quando la volontaria Rossella ha raccolto Emily dalla strada, lei era scacciata da alcuni passanti e rischiava di essere investita. Si muoveva disorientata, sicuramente in preda a dolori atroci tanto da lasciare una scia di sangue al suo passaggio. Quel sangue le usciva dalla bocca, perché è proprio sul muso che l’aguzzino l’ha colpita – per pura cattiveria.

Emily non si è lasciata prendere subito e l’attivista racconta: “Non so dove stesse trovando la forza, ma correva veloce”. Per tre chilometri la cagnolina ha continuato a fuggire, fino a trovare rifugio nell’androne di un palazzo, dove finalmente si è lasciata prendere.

La corsa dal veterinario è stata immediata. “La dottoressa le ha subito fatto una flebo di ricostituente e l’ha ripulita, perché era tanto sporca da non poter essere visitata, aveva già larve di mosche nelle ferite. Finiti i lavaggi, è venuto fuori l’orrore: una faccia tumefatta e piena di ferite stracolme di pus, muso storto, segno che è stata colpita da una o più badilate. Le ho dato subito un nome, Emily. La veterinaria ha iniziato le cure intensive”.

Rossella, che ha soccorso Emily, si occupa di altri cinquanta cani e ha bisogno di supporto per tamponare quest’ennesima emergenza.

“A sei giorni dal ritrovamento, lei reagisce bene alle cure, è dolcissima, gioca, scodinzola e piange se non la portiamo fuori con gli altri pelosi. Tutto ciò ci fa capire che Emily può essere salvata. Proprio per questo chiedo a tutta la gente di buon cuore di non lasciarci soli. Non ho la forza per pensare ad Emily e a tutti gli altri da sola. Chiedo a chiunque mi legga di aiutarci con la condivisione di medicinali e pappe se può, ogni minimo contributo è tanto per i miei angeli”.

Chi volesse contribuire, può telefonare al numero 339 2917884 per ricevere informazioni.

Nella foto: Emily (fonte AnimeBastarde).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Grazie Rossella, infinite grazie!

    Ma che razza di gente esiste?

  2. Povera Emily, cosa ti hanno fatto???? Ma nessuno ha visto quando ti massacravano così? Auguriamo tutto il male del mondo al grandissimo str…o che ti ha ridotto in questo modo!

  3. Loro, gli animali, ci insegnano che l’essenziale non va cercato.
    Esso è costantemente sotto i nostri occhi; basta volerlo vedere.

    A Rossella e a Emily auguro ogni bene.
    Eli

  4. cinzia brachini

    auguri cucciola punite quel mostro

  5. concordo pienamente, purtroppo in questa società i veri gesti eroici come questo passano sempre inosservati..

  6. francescamanimali

    I volontari animalisti (quelli veri, come Rossella) meriterebbero un pubblico riconoscimento per la sensibilità, l’impegno, l’amore verso gli ultimi di una categoria comunque considerata “ultima”, come è quella degli animali.
    Gente così è da esempio e il suo impegno dovrebbe essere raccontato nelle scuole.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com