Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Alessandria: ritrovati i pulcini di aquila rubati dal loro nido di Agrigento

Alessandria: ritrovati i pulcini di aquila rubati dal loro nido di Agrigento

Lo scorso maggio avevamo parlato, in questo articolo, del caso di due pulcini di aquila trafugati dal loro nido nell’agrigentino.

Gli animali, certamente destinati al contrabbando di fauna selvatica, sono stati però incredibilmente ritrovati in un rudere nella provincia di Alessandria dagli uomini del CITES del Corpo Forestale dello Stato.

Secondo quanto dichiarato, i pulcini sarebbero stati recuperati una volta “individuato il presunto responsabile dell’illecito” che è tra l’altro stato “denunciato all’Autorità Giudiziaria per violazioni alla normativa CITES e a quella sulla caccia, e per maltrattamento di animali”.

I piccoli sono stati ritrovati in un laboratorio clandestino in cui venivano prodotti anelli di marcaggio e falsificati i certificati CITES.

Nel corso della perquisizione, sul posto sono stati scoperti anche strumenti da bracconieri e numerosi corpi senza vita di animali cacciati, rinchiusi in un congelatore.

I due pulcini di aquila del Bonelli sono stati soccorsi assieme ad altri sei falchi pellegrini catturati illegalmente.

Quella di questo recupero è una notizia particolarmente gradita, soprattutto perché le aquile del Bonelli sono, in Italia, soltanto una quarantina e vivono tutte in Sicilia, dove sono costantemente minacciate dai bracconieri.

Foto: repertorio (fonte Wikimedia).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Bellissima notizia, speriamo che i bracconieri e i malaffaristi non le tocchino più ora.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com