Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Spagna: per la prima volta in tribunale per aver ammazzato brutalmente un cane

Spagna: per la prima volta in tribunale per aver ammazzato brutalmente un cane

La foto – penosa, lo sappiamo – che mostriamo in apertura di articolo è stata resa nota anche in Tribunale, a Madrid. Qui, per la prima volta, un uomo è finito di fronte al giudice per il reato di uccisione di animale.

Persino per la “crudele” Spagna della tauromachia, delle perreras e della Fiesta del Pero Palo quanto accaduto alla piccola Chula è troppo per non meritare un processo.

Il cane, un pitbull di sei mesi, è stato ammazzato di botte perché aveva orinato e defecato in casa. L’aguzzino è il suo stesso proprietario e i fatti risalgono al 2008.

A testimoniare contro l’assassino del cane è la sua fidanzata di allora, che racconta che il cane venne preso brutalmente a calci fino quasi a perdere i sensi. La donna, assieme alla madre, aveva trasportato l’animale ormai morente al più vicino centro veterinario.

Chula, però, era morta per spappolamento del fegato nonostante i medici avessero fatto il possibile per salvarla.

La foto del suo corpo senza vita, rannicchiato come se ancora volesse ripararsi dai colpi e irrigidito sul tavolo d’acciaio, ha turbato molto persino la coriacea popolazione iberica.

L’associazione animalista spagnola “El Refugio” ha chiesto, per l’aguzzino di Chula, una condanna ad un anno di carcere.

“Abbiamo aspettato a lungo, ma ne è valsa la pena. È la prima volta che la giustizia spagnola giudica una persona per il reato di maltrattamento di animali, grazie anche alla testimonianza dei veterinari”, commenta Nacho Panuero, presidente dell’associazione.

“Per noi è motivo di gioia perché passiamo la vita a difendere e a proteggere i diritti degli animali. È imprescindibile che chiunque sia testimone di un caso di maltrattamento lo denunci e si metta in contatto con le associazioni, aiutando così a mettere fine a questa piaga sociale del nostro Paese”.

Nella foto: il corpo senza vita di Chula (fonte Schnauzi).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Marilena Albiero

    Bravo il Giudice che ha condannato questo bastardo, se poi gli Spagnoli in genere alzassero la voce anche per le perreras, la corrida , la festa del Pero Palo … Ma da questo fronte nutro poche speranze e, a dirla tutta, gli spagnoli mi sembrano un popolo crudele, come i romeni, i cinesi e i popoli arabi. Sbaglierò a generalizzare ma la penso così.

  2. che brutalità x questi cari amici a quattro zampe, non meritano poca pena ma molto di più chi non ama gli animali non ama le persone , che pena sapere che certi criminali esistono al mondo, GIUSTIZIA TERRENA,

  3. Povero tesoro, chissà quanto ha sofferto! Ma. dico io, questa fantomatica fidanzata non poteva proprio fare nulla per contrastare la furia omicida di quel demente che non sapeva che i cuccioli fanno in casa i loro bisogni se non li si porta fuori sovente? La foto fa davvero piangere.

  4. Non vedo nessuna ragione in questi crimini, non capisco perchè questi assassini non siano condannati con particolare durezza e il giusto senso della misura.
    Quanti Chula ci sono che rimangono sconosciuti e gli aguzzini di questi liberi ed impuniti?
    E’ gente pericolosa perchè il passo ad un essere umano (solitamente molto più debole) è il prossimo!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com