Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Torino: poliziotto spara a cane padronale perché ringhiava. Aperta un’inchiesta

Torino: poliziotto spara a cane padronale perché ringhiava. Aperta un’inchiesta

È stata aperta un’inchiesta relativamente all’assurdo, inspiegabile comportamento tenuto dal poliziotto che, a Torino, ha sparato ad un cane che stava solo ringhiando.

La dinamica di quanto avvenuto viene esposta a grandi linee da quasi tutti i quotidiani che parlano della vicenda. Sembra comunque che il fatto sia accaduto nel pomeriggio di giovedì nell’area cani del Valentino, in Corso Massimo D’Azeglio.

Il cane colpito dalle pallottole appartiene ad una ragazza che, in quel momento, stava discutendo con il fidanzato.

Il poliziotto si sarebbe avvicinato alla coppia con l’intenzione di calmarla e, vedendo il cane ringhiargli contro, avrebbe estratto la pistola dalla fondina facendo fuoco.

Il cane è stato raggiunto all’addome e ferito gravemente.

Immediatamente soccorso da altri poliziotti presenti sulla scena, l’animale è stato trasportato presso un vicino ambulatorio veterinario dove è stato operato d’urgenza.

Nel momento in cui scriviamo questa notizia, le sue condizioni sono definite “critiche”.

La coppia di fidanzati, che ribadisce che non c’era alcuna necessità di sparare al cane e neppure di intervenire per sedare una discussione dai toni un po’ accesi, è sotto shock.

La Questura ha aperto un’indagine per definire con esattezza le motivazioni della reazione esagerata e incomprensibile dell’agente.

Il magazine Infoggi ha, nelle ultime ore, pubblicato la foto del cane rimasto ferito: si tratta di un meticcio di taglia media dall’aria mansueta e con l’addome completamente fasciato. È una femmina e si chiama Luna.

Il fidanzato della proprietaria, Giancarlo, racconta: “Al cancello dell’area cani si è presentato un poliziotto urlando per attirare la nostra attenzione, quindi gli abbiamo risposto che stavamo solo litigando per futili motivi. L’agente, che nel frattempo era entrato, ha deciso comunque di raggiungerci, probabilmente per verificare meglio che non stesse succedendo nulla”.

Continua il ragazzo: “Quando l’agente ha raggiunto il centro dell’area cani Luna era lì vicina, tranquillamente sdraiata nell’erba. Ha iniziato ad abbaiare al poliziotto, ma tenendo le distanze e indietreggiando mentre lui avanzava. Il cane non ha mai avuto alcun contatto fisico con l’agente né tantomeno si è avvicinato tanto da costituire una reale minaccia. Il poliziotto ha dunque appoggiato la mano sulla pistola e noi abbiamo intuito che stava per accadere qualcosa, perciò gli abbiamo urlato di fermarsi mentre tentavamo di avvicinarci a Luna per proteggerla”.

“L’agente, intanto, aveva già estratto l’arma e la puntava contro il cane, per questo abbiamo indugiato nel raggiungere Luna, che era sotto tiro. Dopo pochi secondi il poliziotto ha sparato. Luna è scappata in preda al dolore, per accasciarsi sotto un albero. L’agente ha dunque gridato che il cane avrebbe dovuto essere legato al guinzaglio, ma ci trovavamo nell’area cani, luogo in cui è consentito tenere gli animali in libertà. Io ho iniziato ad urlare per attirare l’attenzione in cerca di aiuto, mentre il poliziotto scappava fuori dall’area cani”.

A questo punto, spiega Giancarlo, sono stati un’altra decina di poliziotti ad intervenire chiedendo alla coppia cosa fosse accaduto e finendo col caricare il cane su una volante per trasportarlo d’urgenza al pronto soccorso per animali di Via Polizzano.

E le condizioni di Luna?

“Per ora è in prognosi riservata, le è stata asportata una parte del polmone destro ed è stato ricucito lo stomaco che era stato completamente aperto dalla pallottola”.

La vicenda, davvero insensata, ricorda fin troppo da vicino quelle di eccesso di difesa personale che normalmente fanno riferimento agli Stati Uniti, dove la campagna anti-pitbull ha mietuto troppe vittime anche tra le forze dell’ordine. Qualcuno ricorda il caso di Star?

Nella foto: Luna dal veterinario (fonte Infoggi).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

9 Commenti

  1. Il “maltrattamento di animali” (evidente) è reato procedibile d’ufficio. Quindi il fascicolo deve già trovarsi sul tavolo del Procuratore della R.
    Su querela di parte vanno invece perseguiti i reati di minacce e violenza privata (altrettanto evidenti). E’necessario rivolgersi ad
    un avvocato tosto (magari quelli che già collaborano con le Associazioni. E’ necessario inoltre pretendere dal questore la
    sospensione dell’agente ed un parallelo procedimento disciplinare.
    Inoltre c’è il Sindaco, che fa parte del comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico; per cui una mozione urgente in Consiglio Comunale può
    evitare che l’opinione pubblica venga addormentata.

  2. Questo agente in servizio estrae l’arma di ordinanza davanti a dei civili inermi e fa fuoco brutalmente e senza ragione sul loro animale domestico in un area riservata esclusivamente ai cani?
    E’ inaccettabile, ci poteva scappare anche il morto.
    Immaginiamo se uno dei due padroni si fosse interposto per istinto fra la traiettoria di tiro ed il “bersaglio” al momento dell’apertura del fuoco.

    Quasi certamente non gli faranno niente, il problema grave è che gente del genere dovrebbe essere licenziata immediatamente perchè oltre ad essere un’oltraggio per il contribuente è anche un pericolo serio per tutta la società.

  3. Per favore contattatemi se siete testimoni di quanto accaduto a Luna perché siamo l’associazione che ha affidato Luna e vorremmo sapere come sono andate le cose così da poter far qualcosa in merito.
    Grazie.
    Loredana
    loredana.geremia@gmail.com
    334/2480140

  4. Marilena Albiero

    Basta avere una divisa e una pistola per questa gente che si sente come Rambo! Da Bolzaneto dove inermi ragazzi sono stati pestati a sangue a questo ennesimo caso. Io più che sentirmi protetta ho paura della polizia. Auguri Luna e con la bonntà che contraddistingue i nostri amici cani perdona questo poliziotto . E non dico altro.

  5. Ma la gente pazza e scema anche tra le forze “dell’ordine” abbonda .. certi con una divisa di merda si sentono degli dei.. fosse capitato al mio cagnolino … sto piedi piatti di merda l’avrebbe pagata carissima……..!! Riprenditi presto piccola luna ♥

  6. Loredana Geremia

    Rosanna chiamami al 334/2480140. Loredana

  7. Sono un’altra Rosanna: ma porca miseria, sempre gli animali ci devono rimettere? Che musino sofferente!!!!!

  8. ciao rosanna, noi purtroppo non abbiamo le conoscenze per aiutarvi. bisognerebbe capire che passi ha eventualmente deciso di muovere la famiglia del cane ferito.

  9. Ci sono testimoni che possono confermare.. il cane è buono e il poliziotto un esaltato.. come si può fare? E’ stata aperta un inchiesta, bene, e noi che sappiamo la verità come possiamo fare??

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com