Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Novara: cosa ha scatenato la furia della gatta Tigre?

Novara: cosa ha scatenato la furia della gatta Tigre?

“A Galliate, Comune del novarese, una famiglia su tre possiede un gatto ma il fatto accaduto a una ragazza e ai suoi figli ha veramente dell’incredibile.

Quando al Comando delle Guardie  Ecozoofile dell’Associazione ANPANA Novara è giunta la richiesta di intervento da parte dei Vigili del Fuoco, pareva uno scherzo- afferma Ragusa Francesco responsabile Provinciale delle Guardie- una ragazza in stato interessante e con due bambini piccoli è stata costretta a rifugiarsi nel giardino condominiale per salvare la sua famiglia dall’aggressione feroce della sua gatta!

Lo scenario che si è presentato all’arrivo degli Agenti dell’A.N.P.A.N.A è inverosimile e tutti i vicini di casa avevano fatto cerchio intorno alla famiglia: la donna presenta sulle mani, braccia e caviglie, numerose e profonde ferite causate dai graffi della propria gatta di nome “Tigre” di anni 2 dopo una lotta vis à vis durata pochi minuti; il suo convivente, lasciato il luogo di lavoro, rientrato con urgenza è illeso ma spaventato; i 2 figli di giovane età sono impauriti e preoccupati.

Il nostro primario interessamento è stato quello di convincere la donna,al secondo mese di gravidanza, a presentarsi al pronto soccorso per le medicazioni alle ferite – racconta Emanuela Zonca Guardia Ecozoofila intervenuta sul posto- successivamente ci siamo recati all’interno dell’appartamento accompagnati dai vicini di casa, che allertati dalle urla erano intervenuti costringendo a fatica la gatta a mollare la presa e a scappare nella zona notte.

Continua Zonca – Nonostante la porta dell’anticamera fosse ben chiusa, la gatta, con forza continuava ripetutamente a graffiare, soffiare e sbattere contro la porta e le pareti. Si è cercato di capire cosa avesse potuto scatenare la furia di “Tigre” che da due anni,  fino alla notte precedente ha sempre dormito nel letto con i bambini e giocato con loro.

Forse la causa scatenante di tanta aggressività è da attribuire al trasloco avvenuto qualche settimana prima oppure a una bacinella contenente i panni bagnati che la donna si apprestava a stendere, che accidentalmente è caduta a terra. Da quel momento il felino ha incominciato a scatenarsi.

I primi tentativi fatti dalle Guardie, di inserire una rete da un piccolo spiraglio della porta aperta per poi capovolgerla sulla gatta per catturarla non sono andati a buon fine.

Richiesto anche l’intervento del Medico Veterinario del Servizio Sanità Animale dell’ ASL NO per una eventuale sedazione; giunto sul posto con l’operatore del canile sanitario.

Anche per loro quasi impossibile espugnare il territorio dominato da “Tigre”- spiega Ragusa- ho messo a disposizione una gabbia, il retino e dei guanti per i rapaci e dopo alcuni tentativi la gatta è stata intrappolata senza l’ausilio di sedativi e trasportata presso una clinica veterinaria sotto  osservazione.

Il nome “ Tigre” dato alla gatta  dalla famiglia si è rivelato un presagio del futuro. Si spera che presto possa trovare il giusto equilibrio e la serenità che merita con le dovute cure e cautele.”

Comunicato stampa diramato da A.N.P.A.N.A Novara Onlus.

Nella foto: foto di repertorio (fonte ANPANA).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com