Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Appelli / Bari: cane preso a bastonate in testa e poi gettato in un cassonetto

Bari: cane preso a bastonate in testa e poi gettato in un cassonetto

“Succede nella mia Monopoli, e con molta vergogna tristezza e rammarico che vi racconto questa storia.

Lucynda, che vuol dire tornata alla luce, ce l’ha fatta. È stata estratta viva da un cassonetto dell’immondizia.

Ad ascoltare il suo grido una turista inglese accompagnata da un monopolitano doc, una di quelle persone “garbate” come diciamo noi, che in questo momento è il nostro unico orgoglio, dato che quasi sicuramente è stato un altro vigliacco della nostra splendida cittadina a desiderare ardentemente la morte di Lucy, e nel peggiore dei modi.

Lucy è stata dapprima maltrattata e bastonata sulla testa (il trauma cranico è stato accertato dal veterinario). Poi, una volta moribonda, è stata chiusa in un sacco di plastica  legato con filo di ferro e sotterrata tra i rifiuti. Doveva morire.

Ma il male, seppure ricercato fortemente, non ha vinto. Abbiamo vinto noi, perché per volere di Dio, per miracolo e per benevolenza Lucy è viva ed ora è con noi al sicuro.

Lucy ci guarda spaventatissima, ma anche con fiducia ed estrema remissione. Muove lenta la testa, e subito intravedi i suoi occhi luccicanti, che si fanno piccoli piccoli: brillano. Forse piange. Sa che il suo destino è nelle nostre mani.

Solo ora inizia a comprendere che queste mani non le faranno mai piu del male….

Lucy aveva anche dei cuccioli, le sue mammelle gonfie lo testimoniano, ma è stata privata anche della maternità oltre che della dignità.

Che differenza c’è se questa violenza la subiamo noi umani o un cane?  Forza, chiedetevelo. Lucy continua ad avere perdite, deve espellere ancora la placenta. Come ogni mamma a cui barbaramente viene sottratto un figlio, soffre tremendamente. Forse, tristissima, pensa ai suoi cuccioli e sente moltissimo la loro mancanza. Forse lei avrebbe preferito morire piuttosto che soffrire queste pene adesso.

Guarda con sospetto ogni figura maschile: potrebbe essere stato un uomo a ridurla così. Ma è ancora disposta a dare fiducia.

Ieri, piano piano, si avvicinava alle mani calde d amore di un ragazzo che era lì solo per carezzarla e sussurrarle che sarebbe andato tutto bene. Mostra segni di miglioramento ogni giorno. Con noi sta ricominciando ad amare la vita, viene a passeggio, ma tutto piano piano, con i suoi tempi. Sta facendo una serie di analisi, per capire se soffre di qualche patologia, ma al momento sembra sanissima, solo ancora molto timida e rassegnata. Ma passerà.

Si trova in un ricovero a Monopoli (Bari) e chi si sta accollando tutte le spese mi ha chiesto solo il favore grande di iniziare a cercare per lei una sistemazione, perché i soldi ora servono per pagare le analisi e per la pensione non ci sono le possibilità.

Lucy è di taglia piccola, ha circa due anni e sarà adottabile o verrà data in stallo a qualcuno di buon cuore che voglia lasciarsi affascinare da questa creatura, che voglia continuare ad amarla con pazienza, e che sia disposto ad attendere i suoi tempi, perché lei di amore ne ha da donare ancora tanto.

Si richiedono questionario pre affido, firma dei moduli di adozione e controlli pre e post affido.

Per tutte le informazioni scrivete a ste.lovedog@gmail.com: sarete ricontattati al più presto. Chiedo di diffondere l’appello perché abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Se qualcuno vorrà contribuire alle spese, si faccia avanti: vi metterò in contatto con chi se ne occupa.

Grazie”.

L’appello e la storia di Lucy sono stati originariamente pubblicati su Facebook, a questo link.

Nella foto: Lucy (fonte Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. ma perchè le persone che fanno stè continuano a vivere…..ma perchè

  2. Che merda di gente, non riesco a capire il perchè di queste crudeltà.
    Sono in mezzo a noi e rimangono impuniti.
    Che merda di mondo.

    Vorrei ringraziare il ragazzo e la ragazza che hanno aiutato e soccorso questa cagnolina che tra l’altro è molto bella.
    Grazie 🙂

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com