Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Milano: lancia la gatta a bordo strada e la investe con l’auto. Condannata

Milano: lancia la gatta a bordo strada e la investe con l’auto. Condannata

Catturare una gattina, lanciarla a bordo strada e poi investirla con l’auto: questi sono, grossomodo, i fatti che hanno portato alla condanna di una giovane di Legnano, nel milanese.

La donna è stata ritenuta colpevole di uccisione di animali dal Tribunale di Milano, che ha così giustificato la sentenza: “Con crudeltà e senza necessità cagionava la morte di una gattina, di proprietà di una signora, gettandola con violenza sul bordo stradale, dopo averla prelevata dalla propria automobile, mezzo con il quale in seguito al tramortimento dell’animale, iniziava la marcia per investirlo”.

La giovane aguzzina è stata condannata ad una pena di due mesi e dieci giorni ma anche al risarcimento del danno sia nei confronti della proprietaria della gatta uccisa che di LAV, costituitasi parte civile al processo.

Era stato un testimone a notare la ragazzina, vicina di casa della donna, scendere dall’auto con la gatta in braccio per poi lanciarla sulla carreggiata, risalire in macchina ed investirla intenzionalmente.

L’uccisione è stata da LAV definita “particolarmente efferata” e “commessa da una persona giovanissima”.

Commenta Ilaria Innocenti, responsabile del settore Cani e Gatti della Lega Anti Vivisezione: “Simili atti di crudeltà non possono rimanere impuniti, e va compiuto ogni sforzo per prevenirli favorendo la cultura del rispetto, in famiglia come a scuola. Un particolare ringraziamento va al testimone di questo fatto raccapricciante per averci aiutato a fare giustizia, dando prova di un alto valore civico”.

Foto: repertorio (fonte ilexxx-Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. Continuo a fissare questa “bestia” e non posso ancora a trovare una benché minima giustificazione al male che le è stato inflitto.
    Non riesco a credere che noi che siamo qui a commentare, insieme agli amici di A4A, abbiamo un certo tipo di sensibilità, che non ci porterebbe mai a compiere simili atrocità… una sensibilità che dovrebbe appartenere a tutti gli esseri umani, non soltanto ad alcuni,
    Quando affermo di provare vergogna per appartenere alla specie umana, provo un dolore infinito e che non so dire.
    Noi umani siamo dotati di intelletto, che è fratello inseparabile della sensibilità.
    Ma, troppo spesso, gli uomini dimenticano di avere una Mente ed un Cuore. Se ne dimenticano… oppure non l’hanno avuti mai.
    Se dovessi nascere nuovamente… se potessi scegliere la mia “appartenenza”, desidererei rinascere cane, o cavallo, o serpente. Scglierei di nascere “bestia”, ecco.

    Un saluto affettuoso a chiunque abbia la sensibilità (nel Cuore e nella Mente).
    A tutti gli altri non mi sento di augurare qualcosa di buono.

    Eli

  2. Un piccolo precedente che potrebbe aprire un varco verso il carcere per i criminali (che io includo nella lista dei predatori sessuali) che abusano crudelmente di animali indifesi.

    Mi auguro che da oggi in poi ci sia una montagna di giuste pene detentive certe per volgari criminali come questa, e che siano presto ripristinati i lavori forzati.

  3. ma che sta a fare al mondo sta feccia di gente condivido le parole di @gloria

  4. questi esseri non sono persone, sono dei mostri senza anima e cuore, cmq 2 mesi e 10 giorni x l’uccisione della gattina e veramente troppo poco, bastarda di merda

  5. brutta stronza, deve fare la stessa fine !!!!!

  6. E’ stata fortuanta che non l’ho vista io fare una cosa del genere, in tribunale con le sue gambe non ci arrivava di certo…… maledetta stronza.

  7. Questa è la gente che mi piacerebbe veder girare in mezzo a un tornado, per poi andare a spiaccicarsi all’inferno.

  8. lanciatela da un’auto in corsa e passatele sopra, il mondo non sentirà la sua mancanza….mostro di donna

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com