Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / [PETIZIONE] Volpi, ci risiamo con la caccia in tana. Stavolta a Prato

[PETIZIONE] Volpi, ci risiamo con la caccia in tana. Stavolta a Prato

“FIRMA LA PETIZIONE, FERMA LA STRAGE

http://www.avaaz.org/it/petition/Fermiamo_subito_la_crudele_caccia_alla_volpe_in_tana_deliberata_dalla_Provincia_di_Prato/

COMUNICATO STAMPA 22/05/2013

Per le volpi in Toscana non c’è pace!

Dopo Siena tocca a Prato e parte una nuova mobilitazione per fermare l’inutile massacro. Attivisti, scienziati, intellettuali hanno sottoscritto l’appello di Wwf Toscana e della trasmissione radiofonica Restiamo animali (restiamoanimali.wordpress.com), chiedondo alla Provincia di Prato di fermarsi e di bloccare la delibera che autorizza la caccia alla volpe in tana, con trappole e mediante fucilazione (anche notturna!)

Personaggi come Margherita Hack, Fulco Pratesi, Enzo Maiorca, Danilo Mainardi, Gianluca Felicetti, Luigi Lombardi Vallauri;  i parlamentari Andrea Zanoni e Monica Cirinnà; Red Canzian, Donatella Rettore, Red Ronnie, Licia Colò e molti altri chiedono alla Provincia di fermare la delibera e anche di preservare gli uccelli acquatici del lago delle Pantanelle.

Recentemente la Provincia di Siena ha fatto marcia indietro e ha ritirato la decisione di consentire la caccia alla volpe, riconoscendo la debolezza degli argomenti “scientifici” che ne erano il presupposto. Ora tocca a Prato ripensare le proprie scelte, accettando un confronto diretto con le associazioni animaliste e ambientaliste e con gli esperti della materia.

Wwf Toscana (3383994177)

Restiamo animali (3476717132)

TESTO DELL’APPELLO / PRATO FERMI LA STRAGE DI VOLPI

La Provincia di Siena ha recentemente rinunciato alla caccia alla volpe in tana, accogliendo la richiesta di centinaia di cittadini e l’appello di studiosi e intellettuali. Ma per le volpi in Toscana non c’è pace. La Provincia di Prato ha approvato lo sterminio di 100 esemplari di Volpe con determina 834 del 18/03/2013.

I metodi previsti spaziano dalla caccia in tana con cani addestrati, allo sparo notturno con carabina e fonte luminosa (fino al 31 dicembre!) e all’utilizzo di trappole. La volpe è una specie cacciabile durante la stagione venatoria, ma ora si vuole estendere il massacro al periodo riproduttivo e così condannando a morte, con le madri, anche i cuccioli inermi.

Le volpi sono accusate di mettere a repentaglio le specie gradite ai cacciatori, ossia lepri e fagiani, e se ne giustifica l’abbattimento con pretese ragioni naturalistiche e di protezione degli ecosistemi. Ragioni che non esistono. Le volpi sono principalmente onnivore, la loro presenza dipende dalla  disponibilità di cibo nel territorio di cui fanno parte integrante senza determinare alcun danno alla biodiversità nel suo complesso. Quello che è da fare non è certo uccidere le volpi, ma porre finalmente fine ai ripopolamenti innaturali di fagiani, lepri e simili, che sono l’assurda motivazione per cui i cacciatori sostengono da sempre una triste ‘caccia alle streghe’ contro le volpi.

L’estensione della caccia alla volpe non è l’unico regalo della Provincia di Prato ai cacciatori. Ci sono anche i 109.000 Euro che nell’ambito di un progetto LIFE finanziato dalla Comunità Europea erano stati finalizzati alla tutela degli uccelli migratori, e che adesso rischiano di essere stati spesi in modo improprio.

Il denaro è stato utilizzato per il ripristino di un lago (denominato ‘Pantanelle’) che inizialmente doveva accogliere gli uccelli migratori. A progetto realizzato, nello scorso anno si è continuato a permettere la caccia nel lago e sembra che anche per il futuro la volontà della Provincia, che sta approntando il nuovo Piano Faunistico-venatorio quinquennale, sia quella di continuare a permettere l’accesso al lago dei cacciatori, i quali continuerebbero a disporre di appostamenti fissi per sparare.

Morale della storia: gli uccelli acquatici, reali destinatari del finanziamento pubblico di tutela, verrebbero attirati in una trappola, con gioia dei cacciatori e danno per la fauna selvatica, patrimonio pubblico. Se così sarà, la protezione della biodiversità sarà ancora una volta subalterna al divertimento di poche persone che sparano a esseri viventi per puro divertimento.

La cittadinanza è stufa di tutto questo, chiede una reale tutela della biodiversità e condanna le pratiche venatorie!

Chiediamo alla Provincia di Prato di fermare lo sterminio delle volpi e di rispettare lo spirito e le finalità del progetto Life, tutelando davvero gli uccelli migratori.

Wwf Toscana – Restiamo animali (restiamoanimali.wordpress.com)

Primi firmatari:

Margherita Hack, Trieste, Scienziata

Alberto Lenzi, Pisa, gruppo di lavoro “PD toscano per il benessere animale”

Andrea Cisternino, Kiev, Fotografo, Reporter, Presidente International Animal Protection League

Andrea Cucini, Colle Val d’Elsa (SI), Pensionato, Guardia Ambientale Volontaria e recupero fauna selvatica in collaborazione con i CRAS locali

Andrea Zanoni, Treviso, Deputato Europeo

Anna Romano, San Casciano in Val di Pesa FI, Medico

Annamaria Manzoni, Milano, Psicologa e Psicoterapeuta

Annamaria Rivera, Roma, Antropologa, saggista, scrittrice

Antonio De Marco, Rieti, Biologo, ricercatore, ex membro CITES

Arianna De Marco, Rieti, Primatologa

Camilla Lattanzi, Firenze, Autrice radiofonica

Cecilia Veracini, Firenze, Antropologa ricercatrice

Cristina Beretta, Milano, Operatrice artistico-culturale

Daniela Casprini Presidente Associazione Vittime della Caccia

Danilo Mainardi, Venezia, ordinario di ecologia comportamentale all’Università Cà Foscari, divulgatore scientifico, presidente onorario LIPU e UAAR

Donatella Rettore, Castelfranco Veneto, cantautrice

Elena Baistrocchi, Scandicci FI, Biologa

Elisabetta Longari, Milano, Storica dell’Arte docente all’Accademia di Brera

Enzo Maiorca, Siracusa, sportivo, Medaglia d’Oro al valore atletico del Presidente della Repubblica (1964)

Fabrizio Bonetto, Cavour TO, Guardia Faunistico Ambientale Zoofila

Federica Fusi, Tavarnelle FI, imprenditrice agricola

Fulco Pratesi, Presidente onorario WWF

Gatto Panceri, Monza, Autore e cantante

Giacomo Bottinelli, Grosseto, giornalista e scrittore, Consigliere LAV

Gianfranco Laccone, Roma, Agronomo al Ministero dell’Agricoltura

Gianluca Felicetti, Roma, Presidente LAV

Gianni Tamino, biologo

Giuseppe Fanelli, Avellino, Esperto in fauna esotica, selvatica e domestica, ex Guardia Zoofila

Licia Colò, conduttrice televisiva

Laura Cherubini, Milano, docente Accademia Belle Arti Brera, Vicepr. museo M.A.D.R.E Napoli

Leonardo Caffo, Torino, Dipartimento di Filosofia dell’Università di Torino

Lorenzo Ignazio Bargagli Stoffi, Tavarnelle VP (FI), tecnico fotovoltaico, candidato consigliere comunale con il M5S al Comune di Impruneta.

Lorenzo Guadagnucci, Firenze, giornalista

Lucia Sciannimanico, Firenze, cantante lirica al Teatro Comunale di Bologna

Luciana Baroni, Mirano VE, Medico

Luigi Lombardi Vallauri, Firenze, filosofo

Luisella Battaglia, Genova, Ordinario di Bioetica all’Università di Genova

Marco Verdone, Pisa, medico veterinario omeopata

Marina Fiordaliso, Piacenza, cantante (in arte “Fiordaliso”)

Marta Gazzarri, Livorno, Capogruppo IDV in Consiglio Regionale della Toscana.

Massimo Tettamanti, Varese, Chimico ambientale e criminologo forense

Michele Turazza, Verona-Siena, ispettore di Polizia Municipale

Monica Cirinnà, Roma, Senatrice della Repubbilca

Redazione BauBoys, trasmissione televisiva in onda su Italia1

Red Canzian, Treviso, cantante e musicista, Socio Onorario di Assovegan

Red Ronnie, Milano, conduttore televisivo, DJ, giornalista e produttore discografico

Renata Balducci, Terni, Scrittrice, Presidente Associazione Vegani Italiani ONLUS

Riccardo Trespidi, Verona, Medico

Sauro Martella, Terni, Imprenditore, Videpresidente Associazione Vegani Italiani ONLUS

Serena Ruffilli, Firenze, L.I.D.A. Onlus  – Lega Italiana dei Diritti dell’Animale

Silvana Castignone   Prof. Emerito di Filosofia del Diritto  Facoltà Giurisprudenza  Univ. Genova

Silvia Amodio, Firenze, Giornalista

Silvia Buzzelli, Milano, dipartimento dei sistemi giuridici, Milano-Bicocca

Simone Salvini, Milano, chef

Stefano Cagno, Milano, Psichiatra

Susanna Penco, Genova, Biologa,  Ricercatrice Univ. Genova

Tobia Zevi, Roma, Associazione di cultura ebraica Hans Jonas

Una Cremona Onlus, Cremona

Valerio Pocar, Milano, Sociologo e Garante dei Diritti degli Animali al Comune di Milano

Walter Ciardo, San Casciano in Val di Pesa FI, Psichiatra

Serena Ruffilli

Presidente L.I.D.A. Firenze Onlus – www.lidafirenze.it

Lega Italiana dei Diritti dell’Animale

Iscritta al Registro Regionale Associazioni Volontariato

con Atto Dirigenziale n. 2672 del 12/08/2010 al n. 768

Siamo anche su Facebook:

http://www.facebook.com/pages/LIDA-Firenze/239316729494752

Cani e gatti in cerca di casa in Toscana:

http://animaliadozionetoscana.wordpress.com/

Altri animali in cerca di casa in Toscana:

http://aaatoscana.wordpress.com/

Foto: repertorio (fonte Wikimedia).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Grande Giuseppe, sono d’accordo con il tuo pensiero al 101%!
    Rassegnatevi e lasciate perdere.

  2. Abbiamo impedito questa oscenità a Siena lo impediremo anche a voi, non vi lasceremo mai in pace fino a che non capirete i vostri errori.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com