Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Palio di Legnano, parla la LAV: “uno spettacolo inaccettabile”

Palio di Legnano, parla la LAV: “uno spettacolo inaccettabile”

“Domenica 26 maggio si svolgerà il Palio di Legnano ricordiamo che nel 2006 durante la corsa morì un cavallo.

In Italia sono più di 60 i cavalli che hanno trovato la morte in seguito a rovinosi incidenti avvenuti nello svolgimento dei palii. Prontamente allontanati dagli occhi degli spettatori e avviati all’eutanasia: rimedio certo all’irreparabile, ma destino comune anche per quei cavalli vittime di infortuni di routine sulla pista, per i quali le cure risultino troppo complesse e onerose. Molti di questi cavalli dimenticati si perdono le tracce, rendendo i numeri difficili da quantificare.

Ricordiamo che c’è l‘Ordinanza del Ministero della Salute – concernente la disciplina delle manifestazioni popolari pubbliche e private nelle quali vengono impiegati equidi al di fuori degli impianti ufficialmente autorizzati – che dispone i principali criteri di sicurezza che devono essere rispettati per garantire la minima tutela dei cavalli impegnati nelle kermesse dei palii, ma purtroppo per questi animali non si riesce ad escludere la possibilità di frequenti e gravi incidenti.

Questo significa che non esistono accorgimenti e misure di sicurezza tali da ridurre a zero il rischio di incidenti. Non possiamo certamente accettare tali eventi – spesso mortali – come una tragica fatalità.

Come associazione riteniamo inaccettabile che al giorno d’oggi, considerata anche l’accresciuta sensibilità degli italiani nei confronti degli animali, esistano ancora spettacoli che mettono a repentaglio la vita dei cavalli per puro divertimento. Seppure un palio si concludesse senza conseguenze tragiche, i cavalli protagonisti dello “spettacolo”, sono comunque sottoposti ad allenamenti estenuanti, incitati a correre in mezzo al frastuono della folla, con continue frustate. La competizione accesa tra le contrade e la voglia di vincere, poi, ha portato in taluni casi all’utilizzo di sostanze dopanti per aumentare la performance degli animali.

Ricordiamo, che il Tribunale di Ferrara, il 26 marzo 2012 si è pronunciato sui gravissimi incidenti del Palio di Ferrara che il 28 maggio 2006 macchiarono di sangue la manifestazione con due cavalli morti e un terzo ferito gravemente: l’Ente Palio Città di Ferrara, contro il quale la Lav aveva intentato una causa civile, è stato condannato a risarcire l’associazione.

L’associazione chiede, quindi, alle autorità competenti di vigilare attentamente affinché nessuna norma a tutela degli animali venga violata, in particolare dell’Ordinanza del Ministero della Salute e a prendere in considerazione iniziative più civili senza l’uso di animali.

La Lav invita i cittadini a disertare il palio.

LAV Lega Anti Vivisezione ONLUS

Sede Territoriale Intercomunale di Rho”.

Comunicato stampa diramato dalla Lega Anti Vivisezione, 20 maggio 2013.

Foto: repertorio (fonte Fotopedia).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Marilena Albiero

    Ma la vogliamo piantare con queste pseudo tradizioni nelle quali si fanno correre gli animali in mezzo a una folla che li terrorizza e li rende ingovernabili. E tutto questo per cosa? Per poche ore di “divertimento” quando al giorno d’oggi ci sono mille modi per stare in compagnia e divertirsi assieme agli animali e non “guardando” gli animali.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com