Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Catanzaro: il cane con la corda stretta nella carne del collo. Da un mese

Catanzaro: il cane con la corda stretta nella carne del collo. Da un mese

La carne gli si era lacerata, e poi aveva iniziato a cicatrizzarsi addirittura sopra la corda che la stringeva: sono queste le drammatiche condizioni in cui è stato ritrovato un cane vagante a Soveria Simeri, in provincia di Catanzaro.

A intervenire per soccorrerlo, sono stati i volontari dell’associazione Anima Randagia, che spiegano che l’animale si trovava in quelle condizioni all’incirca da un mese: erano infatti circa quattro settimane che risultava vagante nella zona.

Spiegano gli attivisti che il cane non è in grado neppure più di piangere, e che il collo mostra anche ferite fresche causate dalla corda e, naturalmente, una infezione.

Ribattezzato Sugar, l’animale è stato infine raccolto e ricoverato presso una locale clinica veterinaria. Per lui le cure non saranno né semplici, né veloci, né economiche e pertanto Anima Randagia chiede la collaborazione di tutti: “Le associazioni non riescono ad accollarsi sempre quanto non è di loro compito”, commenta la presidentessa Francesca Console, in riferimento alla solita assenza delle istituzioni.

Secondo quanto riportato dall’associazione in Facebook, infatti, Sugar è stato recuperato dal territorio “nella totale indifferenza e nel pieno menefreghismo di quella che dovrebbe essere una società civile dove tutti vedono, ma nessuno sa”.

Il cane è un esemplare giovane, di taglia media contenuta, la cui estesa ferita attorno al collo dovrà essere ripulita chirurgicamente. Inoltre, Sugar potrebbe presentare anche una frattura all’arto anteriore destra che andrà valutata accuratamente nei prossimi giorni.

Chiunque volesse aiutare Anima Randagia a sostenere i costi per la degenza e le terapie di questo cane sfortunato, e vittima di una indifferenza pesante come un macigno può trovare tutte le informazioni necessarie a questo link.

Nelle foto: Sugar (fonte Anima Randagia su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Com’è che si dice? E’ solo un cane…anzi pare non dica proprio più ormai è passato di moda. Adesso basta essere del tutto indifferenti.
    Vergogna, dal primo all’ultimo mi fate schifo!

    Grazie a tutte le persone che si sono prodigate per questo animaletto in difficoltà!
    Forza Sugar!

  2. Le foto sul link sono davvero agghiaccianti! Possibile che nessuno sia intervenuto prima di tutto questo orrore e questa sofferenza? Penso che ce ne voglia di tempo per ridursi in questo modo! Speriamo che si possa riprendere, povero Sugar!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com