Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Trani: il corpo senza vita del gatto affogato nella fontana della piazza

Trani: il corpo senza vita del gatto affogato nella fontana della piazza

Quella che arriva da Trani è una di quelle storie orrende di cui non ci piacerebbe mai dover scrivere. Lanciata sui social network e successivamente ripresa da numerosi organi di stampa online, la vicenda vede per involontario protagonista un povero gatto ritrovato senza vita, galleggiante, all’interno della fontana di Piazza della Repubblica.

Non è chiaro, al momento, se l’animale sia morto da solo o se sia invece stato vittima di una violenza, ma la vicenda viene guardata con particolare sospetto dagli attivisti del posto che, quotidianamente, si trovano a raccogliere dalla strada gli animali vittima di abusi.

Soltanto qualche giorno fa, una micia randagia della zona si era rifugiata in uno scatolone di cartone per partorire i suoi piccoli. Appena dopo il parto si era allontanata per trovare del cibo e una donna aveva rovesciato i gattini dalla scatola, lasciandoli sull’asfalto, per gettare lo scatolone.

I piccoli e la mamma sono stati fortunatamente recuperati nell’arco di qualche ora da alcuni volontari delle associazioni LEIDAA e Collarino Rosso.

Il micio nella fontana, purtroppo, non ha avuto la stessa fortuna.

L’associazione Collarino Rosso si è espressa sulla vicenda attraverso una lettera aperta a sindaco e cittadini, che riportiamo interamente:

“Stamattina, al massimo questa notte, è accaduto l’ennesimo atto di violenza a carico di animali randagi.

Noi volontari dell’Associazione di Volontariato per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente e degli animali siamo fortemente indignati.

Ne sono indignato io, persona scrivente, da semplice cittadino e da volontario. Ne siamo indignati tutti, noi cittadini avente un cuore ed una dignità da rispettare.

Noi volontari non ci sprecheremo mai per raccontare le vicende dei nostri amici a 4 zampe. Non ci stancheremo mai di soccorrerli ed aiutarli in caso di aiuto.

Con il presente messaggio in qualità di cittadino, ma anche di volontario e a nome dell’Associazione tutta, chiedo al voi Sig. Sindaco, Dott. Luigi Riserbato, delle spiegazioni in merito e domandarvi per quanto tempo ancora dovremo aspettare una sua attivazione nei confronti di tale delinquenza.

Per quanto tempo ancora dovremo continuare questo bagno di umiliazione e di indignazione? Ci dia una spiegazione.

Mi permetta l’eufemismo ma la città non è sicura ne per i cittadini a due zampe ne per quelli a 4 gambe.”

Foto: il corpo senza vita del gatto galleggia nell’acqua (fonte RadioBombo).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Gettare a terra quei gattini appena nati per prendersi uno scatolone fa capire che razza di miserabile possa essere un’individuo del genere.

    Per quanto riguarda il gatto trovato morto torno a ripetermi e lo farò sempre:
    Ci sono telecamere?
    Se non ci sono che si provveda a metterle a fronte dei delitti commessi e per la sicurezza della città e di tutti i suoi abitanti!

  2. Annalisa Valentini

    Cosa devo commentare? Che siamo delle merde!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com