Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Germania: cane trovato ucciso, immobilizzato da fascette di plastica

Germania: cane trovato ucciso, immobilizzato da fascette di plastica

È davvero una brutta, bruttissima storia quella che arriva dalla cittadina tedesca di Aklam, dove un cane di piccola taglia è stato trovato senza vita e con il corpo immobilizzato da fascette di plastica, di quelle utilizzate dagli elettricisti o dai giardinieri. Fascette che, una volta chiuse, è impossibile riaprire se non tagliandole di netto.

Il piccolo cane le aveva dappertutto: gli legavano insieme le zampe anteriori, quelle posteriori e gli tenevano chiuso il muso. Il suo corpo senza vita è stato trovato nei pressi del campo d’aviazione Anklamer.

Secondo gli inquirenti, la morte dell’animale sarebbe stata particolarmente lenta e dolorosa, e la cittadina di Aklam non ha memoria di un tale accanimento nei confronti di un animale. Al momento attuale, comunque, non ci sono sospetti in merito a chi potrebbe aver compiuto un gesto del genere nei confronti di un cagnolino di pochi chili, sostanzialmente indifeso, e l’unica denuncia presentata è a carico di ignoti.

La Anklamer Welfare Association si dichiara scioccata di quanto accaduto: “Siamo a conoscenza di alcuni casi di crudeltà sugli animali, ma nessuno è così estremo. Non ci sono spiegazioni. Ognuno di noi ha la possibilità di lasciare il proprio animale ad un centro di soccorso o ad un rifugio, se non può più tenerlo”.

Ovviamente non è escluso che ad uccidere il cane in maniera così brutale siano state persone estranee al nucleo familiare al quale l’animale apparteneva (era infatti munito di collare), e che il piccolo sia stato dapprima abbandonato per poi finire nelle mani dei suoi carnefici.

Se gli aguzzini venissero individuati, rischierebbero una pena detentiva fino a tre anni, anche se persino in Germania finire in carcere per il reato di crudeltà verso gli animali è molto difficile, specie se si parte da una fedina penale pulita.

Foto: il corpo del cane al ritrovamento (fonte Nordkurier).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. L’unica soluzione sarebbe dare fuoco ai criminali che hanno compiuto questo delitto efferato e crudele.
    Prima beccarli però, poi un bel linciaggio!

    Che cosa orribile, tra l’altro questo piccolo sfortunato somiglia un po’ al mio amico del cuore Oscar…
    Maledetti dovete ardere!

  2. Non ci sono parole per definire certe nefandezze ….. Che brutta razza di vigliacchi!!!!!!!

  3. Marilena Albiero

    Come dico sempre non c’è angolo di mondo che non ospiti esseri immondi che sfogano i loro istinti brutali verso chi non ha voce ne mezzi per difendersi. Quindi quando ci scagliamo con il nostro Sud per gli orrori e l’indifferenza verso gli animali (ovviamente da condannare) pensiamo a tutte le altre orribili realtà di ogni parte del mondo e, naturalmente, continuamo a condannarle con ogni mezzo.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com