Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Cuneo: agnellini massacrati a martellate e viscere nei prati, un denunciato

Cuneo: agnellini massacrati a martellate e viscere nei prati, un denunciato

Si è conclusa con il sequestro di un allevamento e la denuncia ad un allevatore originario dell’Albese l’operazione delle Guardie ANPANA di Cuneo finalizzata a sgominare un’attività di macellazione clandestina.

Il comandante provinciale ANPANA, Maria Rossano, spiega: “Erano mesi che ci segnalavano che, in zona, qualcuno esercitava la macellazione abusiva in locali non idonei, e stavamo effettuando controlli sulla zona, quando eccoci capitati nel posto giusto”.

Le fa eco il comandante regionale, Francesco Pellecchia: “Oltre al mancato rispetto della normativa, qui vengono violati i più sani principi di igiene. Gli animali venivano macellati appesi in un locale sporco, pieno di polvere e batteri di ogni sorta. Oggi l’intera stalla, gli attrezzi per la macellazione e altro sono stati sequestrati e una persona è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria”.

Il denunciato in questione prendeva a martellate in testa gli agnelli, fino a stordirli. Poi li sgozzava, li lasciava a dissanguare e, dopo averli eviscerati, ne gettava le interiore nei prati.

Vittime di questo tipo di trattamento sono stati, in un solo giorno, dieci agnellini che non portavano neppure la marchiatura auricolare.

Tra i reati contestati al macellaio, anche il maltrattamento e l’uccisione di animali.

Foto: il macello clandestino sequestrato (fonte TargatoCN).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Delitti e criminali che verrano assolti di fatto e col sorriso. Ecco la legge ytagliana.
    Io forse più di tanto non capirò, ma quello che so è che siamo al limite di troppi soprusi.
    Che schifo e che vergogna, il fatto dei macelli clandestini è diventato pure una piaga!

  2. Un bacio a voi, che amate la VITA 🙂

  3. nessun problema, la nostra era una replica d’obbligo e ben venga se qualcuno in più guarda il reportage. 🙂 buona pasqua!

  4. Inconsapevolmente ho fatto in modo che pubblicaste nuovamente il vostro articolo.
    Non può che essere di giovamento alle nostre Cause 🙂

    Baci&Sorrisi! 🙂

  5. Pubblico un link, ove possiamo impegnarci a salvare, non ad uccidere,
    onorando poi (ovvio!) le nostre promesse.

    Grazie.

    http://www.salvaunagnello.com/index.php

  6. Stessa fine per questo assassino.
    E poi dritto ad un inferno senza fine.

    Mi spiace, ma non riesco a credere che “chi perdona ha vinto”.
    Non per gente come questa:
    orribile, pericolosa, infernale!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com