Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / [VIDEO] USA: picchiano le foche in spiaggia, il sindaco chiude l’accesso

[VIDEO] USA: picchiano le foche in spiaggia, il sindaco chiude l’accesso

Il sindaco di San Diego Bob Filner ha deciso di chiudere l’accesso notturno alla spiaggia cittadina a seguito delle raccapriccianti immagini di violenza riprese dalle telecamere della zona.

Il video, che riportiamo in chiusura di articolo, mostra l’immotivata e atroce brutalità nei confronti di alcune pacifiche foche che riposavano da parte di due donne non ancora identificate. Ancora peggio, le immagini proseguono mostrando le due aguzzine che si spogliano fingendo di avere rapporti intimi con gli animali.

Secondo quanto riportato dal quotidiano americano The Independent, le due donne immortalate dalle telecamere erano probabilmente ubriache mentre prendevano a calci nel ventre le foche e i loro cuccioli partoriti da poco sulla sabbia di La Jolla Beach.

Quello che rende ancora più deprimente l’intera vicenda è l’accanimento delle donne nei confronti di animali per loro natura totalmente incapaci di difendersi da azioni violente di questo genere.

Il sindaco Filner ha dichiarato: “Questo comportamento è scioccante, deplorevole e certamente non il riflesso di quello che la maggior parte della cittadinanza pensa debba essere il rapporto con gli animali”.

Non sono purtroppo stati resi noti dettagli in merito alle indagini condotte per risalire all’identità delle due aguzzine.

Foto: le foche sulla spiaggia di San Diego (fonte Heavy).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. francesca valensise

    ma è impossibile identificarle? solo con Chico Forti hanno avuto ” l’efficienza ” per buttare all’ergastolo un innocente??

  2. Marilena Albiero

    Ho sempre pensato che le donne avessero una marcia in più in fatto di empatia, equilibrio, amore verso gli altri e fra questi altri includevo anche gli animali. Purtroppo mi sbagliavo, come sempre d’altra parte quando si tratta di esseri “umani” e questo caso ne è l’ennesima prova.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com