Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / Siena: la caccia alla volpe in tana sta per iniziare. L’indignazione degli animalisti

Siena: la caccia alla volpe in tana sta per iniziare. L’indignazione degli animalisti

“Cari amici,

alleghiamo la lettera pubblica di Lorenzo Guadagnucci di ‘Restiamo animali’ indirizzata alla Giunta della Provincia di Siena affinché sia annullata la delibera con la quale tale organismo ha deciso di permettere dal 1° aprile p.v. la “caccia alla volpe in tana”! Nell’associarci a tale appello, Vi preghiamo di voler far pervenire a Lorenzo le Vostre adesioni nominative, necessarie per sostenere tale urgente ed importante petizione.

Grazie per la Vostra attenzione!

Cordiali saluti

Movimento Antispecista

*Alla GIUNTA della Provincia di Siena, ai suoi funzionari  e a tutti gli organi di stampa locali e nazionali*

E’ appena terminata la stagione venatoria 2012-2013, con le sue 118 vittime  che ancora insistiamo a chiamare “incidenti”, e veniamo   a sapere che il 1° Aprile 2013 si apre una nuova stagione di caccia, la caccia “alla volpe in tana”, *in deroga rispetto alle norme nazionali ed  Europee che proteggono questo animale, in modo da prolungare il diletto dei cacciatori per qualche mese ancora, a spese di una specie inerme, che  non può difendersi, per giunta ‘nel pieno periodo riproduttivo e di svezzamento’ (e dunque in deroga anche al DD n 1201/2008 relativamente al periodo in cui eventualmente attuare cerca e aspetto notturno o diurno della volpe, che sarebbe limitato al periodo agosto-marzo). Sappiamo che la caccia è legale, sappiamo che esistono norme che prevedono una deroga alla generale protezione e difesa della volpe  che vige in tutta Europa (addirittura l’Inghilterra si è rassegnata  qualche anno fa a recepire questo divieto) e v’invitiamo a considerare  come tutto questo accada a dispetto e nonostante l’80% degli italiani sia del tutto contrario a queste pratiche.

Fareste un gesto civile e popolare se ripensaste a questa  scelta e impediste lo sterminio delle volpi in tana, un gesto  redditizio anche dal punto di vista elettorale e comunque dal punto di vista  del pubblico apprezzamento.

Avete visto quale tipo di mobilitazione si è avuta per  gli animali oggetto di vivisezione di Greenhill. Anche la vivisezione è consentita dalla legge ma come la caccia è ormai obsoleta e invisa alla  popolazione civile.

Il cammino della civiltà continua il suo corso e nel suo  progredire include sempre di più gli animali non umani tra i soggetti  portatori di diritti. Saprete che l’art. 13 del Trattato di Lisbona (2007)  dichiara gli animali “esseri senzienti” e che la dichiarazione di Cambridge  (2012), firmata dai massimi scienziati al mondo, sostiene che “gli animali non umani hanno una coscienza”. Come non capire che ormai le pratiche venatorie sono  obsolete e destinate a scomparire, viste come barbare e inaccettabili da parte  della sensibilità civile? Ci sono due possibilità: scegliere l’inerzia e agire di  retroguardia, in attesa che le leggi Europee e Italiane proibiscano del tutto d’imbracciare le carabine per uccidere gli altri animali, oppure  anticipare i tempi e farsi pionieri in questo inarrestabile cammino della civiltà, cominciando intanto a fermare la mattanza di queste volpi e dei loro  cuccioli. Fareste solo un gesto umano e nobile, di maggior peso proprio in  quanto – al momento – ‘facoltativo’ e anticipatore rispetto a un  cambiamento che è già avviato ed è ormai inarrestabile.

Si accusano le volpi di essere in “soprannumero”. Ma le volpi non possono essere in soprannumero in un determinato territorio  poiché sono animali solitari, non amano convivere e si spostano cercando  spazi dove insediarsi senza concorrenza. Vivono soli sia i soggetti maschili  sia quelli femminili, cercandosi solo nella stagione degli amori e  frequentando eventuali fonti di cibo in orari diversi (fonte:  Félix Rodrìguez de la Fuente). Come molti predatori dunque, il numero delle  volpi è controllato dalla pressione sociale, dalle malattie,  dalla disponibilità di cibo. La scienza insegna che ogni popolazione animale  segue un accrescimento descritto come una curva sigmoide che una  volta raggiunto un punto di massima capacità portante si stabilizza. In  base a quale criterio scientifico si può parlare di “soprannumero di volpi” se  la capacità portante non è ancora stata raggiunta, o se è stata raggiunta? Per essere seri e credibili bisognerebbe capire rispetto a cosa  viene stabilito il sovrannumero. E se una popolazione animale cresce è proprio perché in un determinato territorio è aumentato il suo spazio biologico, è aumentata la sua possibilità di nutrimento. Questa si chiama  “ecologia”!

E’ semmai la caccia a compromettere gli equilibri  naturali ed ecologici, creando in modo innaturale territori di “ripopolamento” dove viene fatto aumentare a dismisura e forzatamente il numero di  fagiani e lepri, e con essi semmai il numero dei loro predatori, per poi  utilizzare il “sovrannumero” come argomento  per ottenere un  lasciapassare per lo sterminio. Non c’è nulla di più innaturale di questo.  Se si lasciasse fare alla natura, senza interferire, l’equilibrio ecologico  verrebbe raggiunto senza spendere un Euro in armi e polvere da sparo!

Qual è poi il ‘metodo di censimento’ delle volpi a cui  si è ricorsi? Dagli studi fatti risulta impossibile contare le volpi in  modo accurato se non con spese gigantesche, catture e uso di collari, ma vogliamo sperare che i soldi pubblici non vengano dilapidati a questi fini. Il  metodo “economico” – che non ha nulla di accurato e di scientifico – consiste nel contare sia le tane, sia gli escrementi, sia le volpi stesse (come  se fossero riconoscibili una per una!), rischiando di triplicare –  come minimo –  il loro numero rispetto al reale, dato che escrementi e tana possono coincidere con una stessa volpe già contata, con  l’aggravante che le volpi non sono facilmente riconoscibili l’una dall’altra.

Non ci bastano le occupazioni di suolo che abbiamo già realizzato? Vogliamo ‘controllare’ e gestire in modo sconsiderato anche lo  scarso territorio selvatico che ci è rimasto? Si accusano le volpi di causare ingenti danni all’agricoltura e alla fauna. Ma come vengono quantificati i danni causati  dalle volpi? Con quale metodologia? Esiste un dettaglio dei presunti danni che  potete esibire a giustificazione di questa carneficina? Tutti sanno che le volpi sono onnivore *http://it.wikipedia.org/wiki/Volpe e che non mangiano lepri e fagiani se non in alcuni brevi periodi, mentre per il  resto dell’anno si nutrono di frutta. Esiste – per esempio – uno studio  dell’Università di Trieste dal quale emerge che la Volpe non influenza le dinamiche di popolazione della Lepre (vedi Craighero T., 2007. Studio delle relazioni tra le  dinamiche di popolazione di Volpe (Vulpes vulpes) e Lepre (Lepus europaeus) nell’ambito della gestione venatoria in Friuli Venezia Giulia.  Università degli Studi di Trieste).

Piuttosto: la dieta estremamente flessibile  della volpe prevede un utile contributo nel mantenimento degli  equilibri di altre specie, come invertebrati (insetti, lombrichi), anfibi, rettili, topi, uccelli. Una drastica riduzione delle volpi significa spesso  sbilanciare la presenza di altre specie, con effetti sicuramente dannosi a livello  di ecosistema.  Gli animali umani sono oggi sette miliardi e saranno  dieci miliardi tra breve. Qual è la specie davvero invasiva nel territorio?  Non certo le volpi. Ma oggi potete ancora decidere da che parte volete  stare. E’ sempre più evidente che la lobby dei cacciatori, il cui numero si  sta restringendo e la cui età media è in costante aumento, sta facendo  pressione per ottenere gli ultimi spazi per esercitare la sua azione violenta e  sanguinaria, irrispettosa dei rapporti ecologici naturali. Per  fortuna i giovani hanno ripugno per queste pratiche violente, e aumenta con la cultura e la civiltà, il numero delle persone contrarie alla caccia.  Crescono gli animalisti, i vegetariani, i vegani e sempre più  persone ammettono che non esiste alcun diritto dell’Uomo di fare strage di  altri animali e di interferire così pesantemente nell’equilibrio ecologico  naturale. E la vostra scelta sta, paradossalmente, allargando la campagna animalista e la sta nutrendo: messaggi come quello che vi stiamo  scrivendo e che circolerà rapidamente in tutto il web, attirerà sempre più  simpatie e attenzioni rispetto alla vostra decisione così disturbante e  anacronistica.

Per le ragioni di cui sopra vi chiediamo di sospendere l’avvio della caccia alla volpe in tana previsto per il 1° di Aprile  2013. Troviamo incivile far passare l’idea che uccidere un  vivente sia non solo  normale ma addirittura ‘consigliabile’. Potete ancora  opporvi allo sterminio di animali inermi mediante l’utilizzo di armi e polvere da sparo, non solo per sensibilità verso gli animali ma anche e  soprattutto perché l’utilizzo di armi fa sempre emergere la parte brutale e  feroce dell’essere umano.

Restando in attesa di un gentile riscontro, porgiamo distinti saluti.

*Restiamo animali *

programma animalista, antispecista e vegan

La domenica alle 12 in Toscana su Controradio (FM 96,3 e 98,9)

http://restiamoanimali.wordpress.com”.

Foto: repertorio (fonte Wikimedia).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Non appena si parla di disinformazione…ecco che arriva subito il trollone, ahahah davvero simpatico, un birbantello!
    Io lo costringerei a vedere canale 5 nelle fasce pomeridiane per almeno 3 anni, chissà che non gli piaccia…!

  2. Caro (si fa per dire) sig. Gino…
    secondo il suo ragionamento dovremmo cominciare seduta stante la caccia all’uomo, considerato che:
    -uccidiamo quasiasi tipo di selvaggina, e non solo per mangiarla
    -portiamo decisamente molte malattie
    -per una volpe che se magna qualche pollo o coniglio, portando danno (non troppo visto che gli allevatori vengono ben rimborsati) all’allevatore, noi con gli allevamenti ci mangiamo milioni di animali e arrechiamo danni enormi al nostro stesso pianeta
    -uccidiamo le altre razze e i nostri stessi simili per: negligenza, divertimento, egoismo, profitto.
    Insomma se quello che dice lei è vero e quello che dico è (sicuramente) vero, la razza umana è decisamente più nociva delle volpi. Iniziamo la caccia all’uomo… per eliminare certi elementi io pagherei fior di quattrini… tanto funziona così, no? Più si paga più si caccia, più si può portare via… è solo una questione di soldi. Non è vero caro (si fa per dire) sig. Gino???
    P.S. sono vegetariana… lo dico subito così non la lascio con il cruccio di rispondermi le solite cretinate.

  3. e tu pensa quanto suona poco intelligente la tua ultima frase e quante implicazioni ha.
    evitiamo di aggiungere altro, se non che per fortuna esiste anche gente che la pensa diversamente da te e che non crede che debba essere l’uomo a fare da giudice, giuria e aguzzino in natura.

  4. Per fortuna che la caccia esiste, se non fosse così le volpi ucciderebbero qualsiasi tipo di selvaggina oltre a altri tipi di uccelli, per non parlare delle malattie di cui sono portatrici e i danni che provocano uccidendo polli conigli di agricoltori.
    per quanto riguarda CARLOS i cacciatori non si appropriano della fauna selvatica ma pagano notevoli somme di denaro per allevare e mettere in libertà animali poco prima dell’inizio dell’attività venatoria.

  5. La caccia è una barbarie obsoleta e nociva, come ben riportato dalla lettera aperta del Sig. Lorenzo Guadagnucci, vediamo di smettere questa pratica oscena e deliberata ai danni della natura.
    La natura esiste da molto tempo prima di noi, si è sempre autoregolata, continua a farlo e sempre lo farà, finiamola anche con la disinformazione e riconosciamo finalmente il nostro giusto grado di appartenenza alla natura stessa, non come dominatori bensì come figli.
    Ciò che siamo sempre stati.

    NO ALLA CACCIA, NO ALLA CACCA ALLA VOLPE IN TANA!

  6. Quale legge autorizza associazioni venatorie(demenziali) ad appropriarsi della fauna selvatica? Altra cosa singolare,una donna assessore alla caccia.Che nobiltà d’animo signora complimenti!

  7. Aleksiej Kowalsky

    Boicottare uil turismo senese…dal punto di vista animalista
    l’amministrazione fa schifo!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com