Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Catanzaro: il cane rimasto storpio e mutilato dalla trappola del bracconiere

Catanzaro: il cane rimasto storpio e mutilato dalla trappola del bracconiere

Si chiama Tito, il cane vittima di pesantissime ripercussioni fisiche e psicologiche dopo essere rimasto intrappolato in cappio-laccio posizionato dai bracconieri.

La storia di questo cane, di soli tre anni di età e di taglia grande, arriva dal comune di Marcellinara in provincia di Catanzaro.

In qualche maniera, Tito è riuscito a liberarsi dalla trappola fatta con un filo per freni di bicicletta e a trascinarsi verso casa, al rifugio di Marcellinara. È bastata tuttavia un’occhiata per accorgersi della gravità delle sue condizioni: il cappio gli aveva tranciato le dita della zampa posteriore sinistra e quasi amputato un’altra zampa, quella anteriore destra, che risultava tra l’altro storpia e rigirata su sé stessa.

Sfortunatamente, Tito ha dovuto subire l’amputazione della zampa.

L’associazione Anima Randagia, che ha gestito la situazione di Tito dopo il ritrovamento, spiega che non è affatto inusuale che gli animali rimangano vittima dei lacci disposti dai bracconieri, con conseguenze – come si vede – pesantissime. Aggiunge anche di non poter escludere che sia stato un agricoltore a posizionare la trappola, probabilmente per tenere lontane le volpi.

È impossibile stabilire per quanto tempo Tito sia rimasto intrappolato, sanguinante e in preda a dolori atroci, prima di riuscire a trascinarsi verso quella che considera la sua casa con le zampe ancora intrappolate nel cappio di metallo.

Ci auguriamo soltanto che riesca a riprendersi al più presto.

Foto: Tito al momento del ritrovamento, con una zampa torta all’indietro (fonte Geapress).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com