Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Roma: pitbull di 9 anni ridotto in fin di vita salvato dai combattimenti clandestini

Roma: pitbull di 9 anni ridotto in fin di vita salvato dai combattimenti clandestini

“Quando i volontari della Protezione Animali, dopo avere ricevuto la segnalazione inoltrata alla presidente nazionale dell’Enpa – Carla Rocchi – da un’associazione animalista attiva nella provincia di Roma, lo hanno prelevato dalla struttura di una località non molto distante da Bracciano (Roma), Boris, un pitbull di 9 anni, era veramente malridotto. A destare preoccupazione erano le condizioni generali di salute dell’animale che hanno fatto supporre a Giusy D’Angelo, educatrice cinofila dell’Enpa impegnata anche nel recupero degli ex combattenti, un possibile impiego del pitbull per i combattimenti clandestini tra cani.

Oggi Boris si trova presso il rifugio Enpa di Torino, dove è stato trasferito alcuni giorni fa e dove sta iniziando il percorso di riabilitazione; il cane è tenuto sotto costante osservazione dai veterinari e fortunatamente sta dando segni di miglioramento.

Anche dal punto di vista comportamentale, Boris ha compiuto alcuni progressi. Nel primo giorno di permanenza al rifugio – racconta l’Enpa –, all’inizio della passeggiata, il pitbull era in ansia e sembrava avere voglia di fuggire, salvo poi tranquillizzarsi piano piano fino a riuscire a relazionarsi con l’educatrice e con l’ambiente circostante in modo tanto sereno quanto curioso. Ora Boris esce dal proprio box e quando vede la sua nuova amica non mostra alcun segno di inquietudine; anzi, le corre incontro per salutarla con affetto. «Per un cane nelle sue condizioni – spiega l’Ente Nazionale Protezione Animali -, la cosa fondamentale è quella di riuscire a “leggere” gli stati d’animo per prevedere eventuali perdite di autocontrollo e per indirizzare i cambiamenti emotivi rispettando la sua personalità».

Promosso e gestito dal Centro Nazionale Comunicazione e Sviluppo di Enpa, il progetto di recupero cani ex combattenti, di cui ora fa parte anche Boris, viene portato avanti dal 2003 grazie alle donazioni dei privati tramite l’adozione a distanza. I 4Zampe vengono affidati alle cure di un team di esperti, i quali, una volta completato il percorso di reinserimento sociale sono riusciti a trovare una nuova casa a molti dei loro ospiti. Purtroppo, questo non sempre è possibile. Agli ex-combattenti rimasti presso il rifugio, la Protezione Animali cerca di donare una quotidianità il più simile possibile a quella familiare. Tutte le informazioni sul progetto ex combattenti su http://www.comunicazionesviluppoenpa.org/adotta-un-ex-combattente.html.”

Comunicato stampa ENPA, 19 febbraio 2013.

Foto: repertorio (fonte Dru Kelly-Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Che brutta cosa quella dei combattimenti, è una questione di cui non si parla mai se non nel web.
    Troppo scomodo vero? Tanto sono solo animali no?
    Che schifo!

    Forza piccolo Boris, dai che adesso starai meglio! 🙂

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com