Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Forlì: uccisa dai cacciatori Belinda, il cervo mascotte amico di tutti

Forlì: uccisa dai cacciatori Belinda, il cervo mascotte amico di tutti

È stata ammazzata a fucilate Belinda, l’amichevole cervo mascotte che da tempo viveva, in stato semidomestico, tra Biserno e Ridracoli.

L’animale è stato abbattuto da alcuni cacciatori nel tardo pomeriggio di sabato scorso, sconvolgendo gli abitanti della zona che da due anni circa si occupavano di lei.

Belinda era un cervo ormai quasi completamente addomesticato, che amava le persone, si avvicinava senza timore e prendeva il cibo dalle loro mani: una fiducia che è stata ripagata a fucilate.

Secondo RomagnaNoi che riporta la notizia, ad uccidere Belinda potrebbe essere stato un cacciatore di selezione. Dopo aver ucciso la cerva, che spesso era solita dormire tranquilla sullo zerbino di un ristorante di Biserno, ne ha caricato il corpo in auto e se n’è andato come se nulla fosse.

I residenti del piccolo paese in provincia di Forlì sono arrabbiati e addolorati, soprattutto per essere stati privati di un animale con il quale avevano ormai creato un rapporto fatto di affetto e attenzioni, ma anche perché il cacciatore avrebbe aperto il fuoco in forte prossimità delle abitazioni.

Pare ormai anche confermato che i cittadini faranno partire un esposto all’autorità giudiziaria.

Belinda era stata adottata dalla comunità di Biserno quando era solamente una cerbiatta, dopo essere rimasta orfana. Era stata allattata e cresciuta, rispettata e amata.

A Biserno, sabato scorso, alcune donne del luogo piangevano.

Nella foto: Belinda (fonte RomagnaNoi).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Quest’individuo deprecabile ed immorale era leggittimato a sparare a quella creatura indifesa?
    Voglio dire, erano rispettati tutti i termini legali per cacciare?
    Io credo proprio di no.

    Qualora fosse tutto in regola, questa azione vergognosa, vile e vigliacca pone senza dubbio un quesito cruciale sulla caccia:
    Se adotto – con tutti i crismi di sorta – un’animale cacciabile per legge (purtroppo) e mi viene ucciso da un cacciatore, che cosa succede? E’ perseguibile penalmente? Si potrebbe creare un precedente? Come potrebbe questa pregressione regolamentare di fatto e tutelare quindi maggiormente gli animali che vengono cacciati indiscriminatamente? Restrizioni ferree all’attività venatoria fino alla sua assoluta abolizione?
    Si lo so, è fantascienza, ma spero che si torni a vivere presto in Italia!

    IO DIREI CHE LA CACCIA VA ABOLITA DEL TUTTO, CI SONO I POLIGONI E IL TIRO AL PIATTELLO CHE E’ VERAMENTE DIFFICILE, E’ QUELLA LA SFIDA PIU’ BELLA CON SE STESSI, NON SPARARE AD UN POVERO ANIMALE INDIFESO ED INCONSAPEVOLE!

    VERGOGNA, NO ALLA CACCIA!

  2. Povera piccola Belinda….
    Maledetti!! Ed anche vigliacchi! Ogni volta che sento che ne muore qualcuno in un incidente di caccia non posso che pensare “uno in meno!”…

  3. Cacciatori, razza maledetta!!!

  4. Legge del Taglione: cacciatore spara ed uccide Belinda?
    Cecchino spara al suo assassino.

    Inizio a credere nell’AUTOgiustizia.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com