Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Cocker nel cassonetto a Firenze: il responsabile sarebbe un anziano ex militare

Cocker nel cassonetto a Firenze: il responsabile sarebbe un anziano ex militare

Sarebbe un anziano militare in pensione l’ex proprietario del cocker ritrovato inciso sul collo per rimuovere il microchip, chiuso in un sacco e gettato in un cassonetto a Firenze.

Della vicenda abbiamo avuto modo di parlare già in diverse occasioni, in questi articoli.

Secondo quanto riportato nelle ultime ore dal quotidiano La Nazione, l’uomo, un ultra ottantenne, sarebbe stato individuato anche grazie alle numerosissime segnalazioni fatte dai cittadini.

Alessandro Quercioli, capo del nucleo Guardie Zoofile ENPA Firenze, dichiara: “Dopo l’appello lanciato attraverso giornali, televisioni e siti web sono arrivate oltre trecento segnalazioni. Con le dovute verifiche siamo arrivati a individuare il colpevole di questo orribile gesto”.

L’aguzzino sarebbe un pensionato, ex appartenente alle forze dell’ordine e residente a Campi Bisenzio, che ora è stato denunciato e dovrà rispondere dei reati penali di abbandono di animale e maltrattamento con l’aggravante della crudeltà.

Come già segnalato nel nostro aggiornamento di ieri, l’anziano si sarebbe giustificato dicendo di aver creduto che il cane fosse già morto al momento dell’abbandono. Una spiegazione che non convince gli inquirenti, soprattutto in virtù dell’incisione praticata sul collo del povero animale al fine di rimuovere il microchip che avrebbe contribuito ad identificare il proprietario.

Per quanto riguarda le condizioni del cocker, lo staff veterinario che lo sta seguendo segnala che potrebbe “uscire dalla clinica veterinaria tra dieci o quindici giorni” per poi venire accolto dal canile di Ugnano e, successivamente, essere reso disponibile per l’adozione.

Secondo ENPA, Boh (così è stato ribattezzato il cane) sarà comunque sottoposto ad una TAC che ne valuterà le esatte condizioni neurologiche.

Foto: il cocker salvato (fonte La Nazione).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Ma certa gente non è meglio che muore?
    E non dimentichiamoci del reato di abbandono di animali di cui all’art. 727 c.p.i. tuttora vigente, per chi non se ne fosse accorto!!!

  2. francescamanimali

    ..vediamo il ns militare come se la cava. per il cane spero trovi presto gente degna di questo nome.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com