Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / [FOTOGALLERY] USA: già 18 cani uccisi da proiettili della polizia nel 2013

[FOTOGALLERY] USA: già 18 cani uccisi da proiettili della polizia nel 2013

È una fotogallery sconcertante e molto, molto triste quella proposta dal quotidiano Examiner e che riportiamo in chiusura di articolo.

Mostra alcuni tra i diciotto (diciotto!) cani padronali uccisi dai proiettili della polizia americana nel solo mese di gennaio 2013.

La galleria fotografica è stata accompagnata, su Examiner, da un attacco durissimo all’operato delle forze dell’ordine, sempre più inclini ad aprire il fuoco su animali indifesi – spesso e volentieri per motivazioni oggettivamente legate al puro e semplice pregiudizio: “Sembra che la polizia sia stanca di lavorare per la legge. Non solo la violano entrando nelle proprietà private, ma cercano di convincere il pubblico di un crimine che non è stato commesso”.

Examiner continua menzionando le motivazioni date dagli agenti responsabili delle sparatorie. Nella maggior parte dei casi, si parla di cani uccisi perché rappresentavano una potenziale minaccia – una giustificazione vaga, poco realistica e che comunque non giustifica l’utilizzo letale della forza né l’abuso di potere.

“Questi cani non hanno nemmeno toccato gli agenti”, afferma duramente Examiner, “Quindi non ci sono prove di un crimine. La polizia non può inventarsi un crimine per giustificare le sue azioni. Se il cane non ha causato danno, l’agente non può dire che lo farà. Non può fare una legge. La maggioranza dei cani uccisi non ne avevano violata alcuna”.

Tra gli esempi citati e riportati nelle foto, quello di Codi, un incrocio pitbull di taglia piccola di un anno e mezzo di età, ucciso con due colpi, uno alla testa e uno al collo, sparati alle spalle.

C’è poi Bubba, incrocio pitbull di sei anni, ucciso anche lui con una pallottola in testa dopo che gli agenti erano entrati nel suo giardino.

Il labrador di 4 anni Bella, invece, è stata uccisa all’interno di casa sua dopo che si era avvicinata scodinzolando ai poliziotti. E Ziggy, incrocio di border collie di 8 anni, colpito da tre proiettili dopo che gli agenti erano entrati per sbaglio nella sua proprietà.

Sassy, una pitbull di 7 anni, è stata invece presa di mira da un ex poliziotto in pensione che le ha sparato quattro volte nel collo.

Una strage, quella dei cani americani, che colpisce indistintamente gli animali senza casa nei rifugi e ancora vittima di eutanasie massive e quelli di proprietà, trattati alla stregua di bestie assetate di sangue da una polizia dal grilletto troppo facile.

Una petizione per richiedere un giro di vite sul comportamento della Polizia americana può essere firmata qui.

Foto: la carrellata proposta da Examiner.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Sono pienamente d’accordo con JOHNNYF.
    Che tristezza… 🙁

  2. Questi individui sono solo criminali, vanno processati e condannati per gli efferati delitti che hanno commesso con una ferocia, un’indifferenza e un sadismo estremi, senza un minimo di ragione, senza pietà.

    Vergogna assoluta, dov’è la Giustizia?
    Dove sta?

  3. condanno fortemente l’operato di questi soggetti! i cittadini americani dovrebbero segnalare la cosa ed organizzare un durissimo sit in di protesta! Obama facesse qualcosa…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com