Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Malesia: un altro elefante pigeo trovato morto avvelenato e il cucciolo salvato non sta bene

Malesia: un altro elefante pigeo trovato morto avvelenato e il cucciolo salvato non sta bene

Salgono a 14 gli elefanti pigmei trovati morti nella foresta malese del Gunung Rara.

Soltanto qualche giorno fa avevamo dato notizia di una decina circa di esemplari ritrovati senza vita di questa rarissima specie del Borneo – presumibilmente per avvelenamento.

Ma le ultime stime parlano almeno di 14 individui, dopo che un altro elefante è stato individuato nella stessa zona in cui erano stati trovati i precedenti.

La notizia della morte dell’ultimo elefante è arrivata nella giornata di ieri dalle stesse autorità malesi: come per gli altri casi, si sospetta il decesso per avvelenamento.

L’esemplare ritrovato senza vita nelle scorse ore aveva quattordici anni di età.

Allo stesso modo non sono positive le notizie che riguardano il cucciolo di soli tre mesi trovato accanto alla madre morta, e la cui foto ha già fatto il giro del mondo: l’elefantino perde peso troppo in fretta, e i veterinari temono per la sua sopravvivenza.

Si ritiene che l’avvelenamento possa essere stato causato da sostanze velenose sparse sul territorio dai lavoranti impiegati nelle piantagioni di palma da olio. Tali sostanze letali verrebbero utilizzate perché gli animali non danneggino le piantagioni.

Secondo WWF Malaysia sarebbe proprio da ricercarsi nella deforestazione finalizzata alla produzione di olio di palma la causa dominante della morte degli elefanti. Non solo per avvelenamento, ma anche per una drammatica e velocissima perdita di habitat.

Foto: il cucciolo di 3 mesi cerca di svegliare la madre uccisa (fonte AFP).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Che brutta vicenda, mi auguro che questo piccolo possa sopravvivere e continuare la sua vita serenamente.
    Spero che si possano avere buone notizie riguardo la sua salute.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com