Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Campi Bisenzio: il pensionato che chiudeva in trappola i gatti e li avvelenava

Campi Bisenzio: il pensionato che chiudeva in trappola i gatti e li avvelenava

Si è conclusa con una denuncia per maltrattamento di animali la lunga indagine finalizzata a individuare il responsabile delle sparizioni e degli avvelenamenti di gatti provenienti da una colonia felina di Campi Bisenzio, in provincia di Firenze.

Le investigazioni, iniziate alla fine del 2011 dalla Sezione Investigativa Speciale per la Tutela Animali dell’ENPA, avrebbero portato all’identificazione di un sessantenne residente nella zona.

Nella proprietà dell’uomo sarebbero state individuate polpette di carne farcite al veleno (tra gli altri, stricnina e lumachicida) già pronte per essere somministrate agli animali. Animali che venivano catturate tramite trappole con ingresso a nassa opportunamente piazzate.

ENPA, dopo aver raccolto prove e documentazione, ha chiesto ed ottenuto il nullaosta all’autorità giudiziaria per perquisire l’abitazione del pensionato assieme agli agenti della Polizia Municipale.

Tre trappole erano state piazzate nel giardino dell’indagato e sono state sequestrate assieme a vari prodotti fitosanitari e ratticidi. Il veleno verrà ora analizzato dagli esperti dell’Istituto Zooprofilattico della Toscana-Lazio.

Il sessantenne è chiamato a rispondere dei reati di maltrattamento e uccisione di animali oltre a quello di spargimento di sostanze pericolose.

Foto: repertorio (fonte Horia Varlan-Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Certe individui dovrebbero lasciarlo questo mondo, chissà quanto male avranno fatto nella loro vita miserabile.

  2. liliana non lo “diciamo” noi, ci atteniamo a quanto scritto nelle fonti. non possiamo fare diversamente. cerchiamo di esprimere il minor numero possibile di opinioni, limitandoci ad elencare i fatti così come vengono testimoniati.

  3. Quello che mi fa inc….re sempre, oltre al mi+sfatto che viene spiegato è che non si fa il nome di questi schifosi per i quali io riaprirei i forni crematori.

    Sonoo rimasta sconvolta dal cane che è stato trovato in cina con quel collare che per me nonostante diciate che è stato salvato in estremis è in realtà morto. Sarebbe stato bello poterlo vedere liberato e vivo.

  4. Sti vecchi del cavolo davvero a volte non hanno meglio da fare che cercare di ammazzare qualcuno.
    Ci sono tante brave nonne e nonni che si occupano degli animali ma certa gente sta meglio sotto terra che non sopra.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com