Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Gli animali e il gelo: a Chiavari trovato gufo in grave difficoltà

Gli animali e il gelo: a Chiavari trovato gufo in grave difficoltà

Era fradicio di pioggia e troppo, troppo magro il gufo soccorso negli scorsi giorni a Chiavari.

A portarlo in salvo un volontario dell’associazione locale Ayusya, che a Genova24 racconta di come il rapace si trovasse, sperduto e in sofferenza, nei pressi dello stadio cittadino.

Il gufo è stato immediatamente trasportato presso l’ambulatorio veterinario Levante dove gli sono state prestate le prime cure.

Dopo essere stato asciugato a calore secco e sistemato in un luogo caldo e in penombra, l’uccello è stato nutrito con grande moderazione per evitargli un collasso dopo quelli che, probabilmente, sono stati lunghi giorni di assoluto digiuno.

Le sue condizioni starebbero migliorando.

L’associazione Ayusya coglie l’occasione per ricordare che il freddo di questo periodo sta mettendo in grande difficoltà gli uccelli, e lancia un appello: “Il freddo ed il cattivo tempo sono un nemico temibile, soprattutto per gli esemplari novelli (2012) e per quelli anziani. Un invito a tutte le persone che amano gli animali e desiderano, anche solo in casi eccezionali, aiutarli: nei periodi di maggiore freddo lasciare nei luoghi non frequentati da gatti le ‘palle di grasso per volatili’ acquistabili presso i negozi specializzati per animali. Sono sconsigliate le briciole di pane perché il pane, per essere digerito da alcuni volatili, richiede un dispendio di energia superiore a quella acquisita con quella tipologia di cibo”.

Foto: repertorio (fonte Jennicatpink-Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Grazie per l’articolo con i consigli e le indicazioni, speriamo che questo inverno sia un po’ più permissivo e benevolo con tutti.

    P.S.: Il gufo è un animale meraviglioso, forza amico!

  2. Povero topolino… speriamo che presto possa tornare in libertà!

  3. Marilena Albiero

    nei pressi della mia casa ci sono un sacco di merli, cince, tortorelle e anche un pettirosso. Due volte al giorno porto loro riso lessato, fichi secchi sminuzzati, briciole di pane (però ho letto che non sarebbero adatte) lo faccio da tanti anni non mi costa nulla ed è una gioia vederli arrivare a frotte negli orari stabiliti. Se tardo qualche minuti i merli soprattutto arrivano fino alle scale quasi per chiamarmi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com