Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / L’Aquila: la videocamera di sorveglianza riprende l’abbandono dei cuccioli

L’Aquila: la videocamera di sorveglianza riprende l’abbandono dei cuccioli

L’Aquila – Lega del Cane denuncia un grave caso di abbandono grazie al sistema di videosorveglianza. L’Associazione auspica che il responsabile di tale gesto venga individuato tempestivamente.

Lo scorso ottobre la Sezione di L’Aquila della Lega Nazionale per la Difesa del Cane aveva rinvenuto, nei pressi del proprio Rifugio – a Paganica – quattro cuccioli abbandonati sotto la pioggia, di cui uno già morto (probabilmente di stenti). Qui il comunicato stampa e le foto relativi all’accaduto.

I cuccioli, molto magri ed infreddoliti, erano stati tempestivamente rifocillati e soccorsi: nelle settimane successive, dopo la microchippatura e le profilassi veterinarie necessarie, i piccoli avevano fortunatamente trovato delle buone adozioni.

La Lega del Cane ha successivamente preso visione dei filmati, grazie al sistema di videosorveglianza di cui l’associazione si è dovuta dotare proprio per scoraggiare questi comportamenti criminali: nelle registrazioni è stato possibile vedere la persona che, nel pomeriggio precedente al ritrovamento, è giunta presso il rifugio con l’automobile ed ha aperto il bagagliaio estraendone un contenitore che ha letteralmente rovesciato per terra, sbarazzandosi così dei cuccioli. Filmati alla mano, l’associazione ha così deciso di presentare – nelle scorse settimane – formale atto di denuncia presso la Procura della Repubblica di L’Aquila, affinché il responsabile di tale gesto venga individuato tempestivamente.

L’art. 727 della L 189/2004 è molto chiaro in merito: “chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”. Auspicando una rapida e positiva – per quanto possibile – conclusione per questa triste vicenda, ci preme sottolineare che, nel 2013, gli strumenti per arginare il fenomeno dell’abbandono ed il conseguente proliferare del randagismo, ci sono e sono efficaci: grazie alla sterilizzazione e all’applicazione del microchip, con le campagne di sensibilizzazione ed informazione, questa piaga, così presente in Abruzzo e più in particolare nella provincia di L’Aquila, può essere sconfitta.

Piera Rosati

dir. Ufficio Stampa e Comunicazione

comunicazione.sviluppolndc@gmail.com

Lega Nazionale per la Difesa del Cane

Via Catalani 73, 20131 Milano

cell. 335 7107106

Tel. e Fax 02 26116502

www.legadelcane.org

Comunicato stampa, 20 gennaio 2013.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Le telecamere sono sempre importantissime per tantissime situazioni, e affanculo la privacy, tanto ormai siamo stracontrollati ovunque e sempre!
    Non è disponibile il video? Sarebbe da diffonderlo massicciamente e con tutti i mezzi come è stato fatto nel caso di quel povero gatto.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com