Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Brindisi: il cane che va in chiesa a cercare un’umana che non c’è più

Brindisi: il cane che va in chiesa a cercare un’umana che non c’è più

L’ultima volta che Tommy (o “Ciccio”, non è chiaro) è stato vicino alla sua umana era il giorno del suo funerale. Deve averla vista entrare in chiesa, portata a spalla da amici e parenti, e la sua mente di cane (e il suo cuore di cane) devono aver congelato il momento.

Da quel giorno in poi, Tommy in quella chiesa torna sempre, nell’attesa di una donna che non vedrà mai più.

Alle cinque del pomeriggio, puntuale come un orologio svizzero, l’anziano pastore tedesco entra dal portone (il parroco, intenerito, non se la sente di lasciarlo fuori) e si sdraia di fronte all’altare, nel punto esatto dove la bara della sua umana era stata posata durante il funerale.

È una storia di amore e di dolore quella che arriva da Brindisi, e l’aria mesta di Tommy, immortalata in una serie di fotografie che stanno facendo il giro della rete, è difficile da dimenticare.

Tommy, grande e grosso, se ne sta silenzioso e tranquillo vicino agli scalini dell’altare anche mentre il parroco celebra la messa.

Ora che la sua proprietaria non c’è più, è stato l’intero paesino di San Donaci ad adottarlo.

Maria, l’umana di Tommy, se n’è andata improvvisamente due mesi fa. Era una donna di 57 anni soltanto che viveva sola, in campagna, assieme a quattro cani randagi – tra cui Tommy, appunto. È morta presto, Maria, e li ha lasciati soli suo malgrado.

Dal giorno del suo funerale, al pastore tedesco è permesso entrare in chiesa. Chissà cosa sente, Tommy, vicino a quell’altare. Chissà per quale ragione lega la presenza di Maria a quell’edificio, invece che alla sua casa.

Le profondità dell’anima di un animale sono forse più insondabili di quanto a noi esseri umani piace credere.

Foto: Tommy aspetta (fonte Corriere).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Come e’ infinito l’amore che provano i nostri amici 4 zampe nei nostri confronti. Tante coccole per te,cagnolone dolce.

  2. francescamanimali

    Finalmente un prete che si comporta con compassione cristiana. speriamo non li arrivi l’ordine del vescovo di burrate fuori il cane. L’ho visto al tg2 e spezza il cuore…

  3. A ROSANNA:
    brava, che hai ricordato anche quel bravo prete.
    Non sono tutti bigotti con i paraocchi, fortunatamente. A volte qualcuno ricorda chi è il Santo patrono d’Italia 🙂
    Di nuovo a Tommy/Ciccio vanno tutte le mie carezze e un bacetto sul tartufo… Tesoro bello…

  4. Un abbraccione grande a Tommy-Ciccio! Speriamo che qualcuno lo protegga sempre! E, per una volta, bravo anche a quel prete che lo lascia entrare in chiesa senza fare storie!

  5. Credevo che non ci fosse più nulla di cui stupirmi ormai, ma sono rimasto senza parole.
    Commosso davvero, ho visto anche il servizio al tg.

    Questo cagnolino rappresenta qualcosa di incredibile, qualcosa che dovremmo avere anche noi, ma a quanto pare l’abbiamo dimenticato.

    Sei meraviglioso Tommy-Ciccio, grazie 🙂

  6. Il mio babbo, stamattina, me lo ha fatto leggere su un Quotidiano.
    non riuscivo a smettere di piangere, non solo di commozione, ma pensando alla Bontà degli animali, tutti, nessuno escluso… che davvero danno la VITA per noi umani.
    Se esistono gli angeli, io credo che abbiano una coda.
    Grazie anche a te, Tommy/Ciccio. Grazie anche a te per l’Amore che hai nel Cuore!

    La “zia” Eli

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com