Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Parma: spargevano bocconi avvelenati per uccidere i lupi, denunciati cinghialai

Parma: spargevano bocconi avvelenati per uccidere i lupi, denunciati cinghialai

Sono stati denunciati i cinque bracconieri responsabili di aver disseminato i boschi dell’Alta Val Parma di bocconi avvelenati per sterminare i lupi della zona.

Con il loro crudele comportamento, i bracconieri sono anche riusciti ad uccidere volpi, faine, tassi, aquile, poiane, martore e ovviamente i cani e i gatti della zona.

È stata la Guardia Forestale di Parma a individuare e denunciare i cinque aguzzini, ora accusati di maltrattamento e uccisione di animali, compresi quelli appartenenti a specie protette, oltre naturalmente degli illeciti relativi all’attività venatoria.

I denunciati erano cacciatori di frodo che detestavano la “concorrenza” del lupo, superpredatore, nella caccia a caprioli e cinghiali. Pertanto, avevano tutte le intenzioni di sterminarne quanti più possibile.

All’interno delle loro abitazioni le forze dell’ordine hanno ritrovato persino fotografie che i bracconieri si erano scattati l’un l’altro in compagnia di un lupo appenninico appena ucciso, verso il quale gli aguzzini puntavano il fucile, a mo’ di scherno.

Su Geapress, il dottor Pierluigi Fedele del Comando Provinciale di Parma dei Forestali dichiara: “Colpisce l’ostentazione con la quale veniva rappresentata la morte del lupo. Quelle foto ricordano quelle dei lupari d’altri tempi”.

La consigliera regionale dei Verdi Gabriella Meo commenta: “Non stupisce che i cinque siano cacciatori con regolare porto d’armi e membri delle squadre di cinghialai della montagna. Ora vedremo se le associazioni venatorie, che tengono sempre a distinguere i loro associati dai bracconieri, sapranno prendere concretamente le distanze espellendoli”.

Le esche avvelenate sequestrate venivano sistemate all’interno dei corpi senza vita di alcune prede uccise.

Il Corpo Forestale dello Stato ha riportato in una nota: “Questo tipo di esca è un sistema subdolo e distruttivo in quanto tutti i predatori che se ne nutrono sono destinati ad una morte atroce. Non solo i lupi”.

Foto: una delle immagini sequestrate (fonte Geapress).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Le loro cazzo di esche servitegliele su un piatto da portata e fategliele mangiare.
    Gli piace vincere facile a sti vigliacchi fetenti. Veri eroi amanti della natura, i cacciatori!!!
    CHE SIATE MALEDETTI VOI E VOSTRI FIGLI a cui insegnate queste mostruosità!!!!

  2. Perchè nelle foto i volti non sono visibili?
    Quando anche in Italia i maledetti che fanno queste cose saranno riconoscibili e schedati pubblicamente?
    Nome e cognome! Ecco cosa vorrei vedere pubblicato!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com