Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / USA: poliziotto sparò a cane che gli scodinzolava, la famiglia gli fa causa

USA: poliziotto sparò a cane che gli scodinzolava, la famiglia gli fa causa

Il cane era stato colpito dai proiettili di un agente di polizia al quale si era avvicinato scodinzolando: avevamo parlato del brutto caso del bull terrier Colonel soltanto qualche giorno fa, in questa news.

Pare ora ufficiale che il proprietario del cane, Al Phillips, abbia deciso di fare causa alla municipalità cittadina – ossia, tecnicamente, alla datrice di lavoro dell’agente responsabile della sparatoria.

Brandon Pettigrew, il poliziotto che ha ferito quasi mortalmente il cucciolo Colonel, viene definito da Phillips “assolutamente irresponsabile” e proprio alla base del suo abuso di potere sta la decisione della famiglia del cane di rivolgersi ad un avvocato per ricevere giustizia. Lo scorso giovedì, pertanto, la causa è stata ufficialmente registrata alla Cook County Circuit Court, la corte cittadina.

L’agente Pettigrew non dovrà soltanto rispondere del reato di crudeltà verso gli animali, ma anche di intimidazione, per aver, secondo i Phillips, minacciato la famiglia dopo che aveva osato parlare con i media di quanto avvenuto.

L’avvocato dei Phillips, Michael Lamonica, ha dichiarato: “L’obiettivo dei miei clienti è far sì che una cosa del genere non accada mai più. È ovviamente inaccettabile che un poliziotti si metta a sparare ad un animale, soprattutto se dato animale non stava facendo assolutamente nulla per meritarlo”.

Pettigrew aveva sparato due colpi con la sua pistola d’ordinanza verso Colonel, che gli si era avvicinato scodinzolando mentre stava facendo una multa accanto all’auto di Al Phillips, parcheggiata in divieto di sosta. Dopo aver ferito quasi mortalmente il cucciolo di pochi mesi, l’agente era tornato tranquillamente a scrivere il verbale, come se nulla fosse accaduto. Qualche giorno dopo, si era anche nuovamente recato a casa dei Phillips con una seconda multa, lamentando che il cane non era stato tenuto al guinzaglio.

Colonel è stato colpito all’addome e ad una zampa e, per salvarlo, è stato necessario un intervento chirurgico di cinque ore.

Oltre ad aver denunciato la municipalità cittadina, i Phillips anche anche inviato lamentele scritte al locale Dipartimento di Polizia e spiegano di volere che Pettigrew sia perlomeno sanzionato per quello che ha fatto.

“È assolutamente irresponsabile che una persona del genere se ne vada in giro portando una pistola”, ha dichiarato Phillips.

Gli abitanti del quartiere supportano appieno la sua versione dei fatti, dichiarando che Colonel aveva un atteggiamento assolutamente amichevole mentre si avvicinava al poliziotto. Inoltre, manifestano preoccupazione per un abuso di potere che avrebbe potuto causare conseguenze ancora più gravi se, oltre al bull terrier, i colpi di pistola avessero colpito qualcun altro.

Il Dipartimento di Polizia si è limitato a dichiarare che sull’operato dell’agente è stata aperta un’investigazione interna.

Nel 2011, una Giuria Federale risarcì una famiglia con 333 mila dollari dopo che un poliziotto aveva sparato, uccidendolo, il cane di casa durante una perquisizione che non aveva portato alla scoperta di nulla di illegale.

Nella foto: Colonel dopo l’intervento (fonte DNA Info).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Ma dovrebbero licenziarlo e sbatterlo in carcere, anche se io sono per un reset cerebrale a colpi di 9mm.
    Individui del genere sono un grosso pericolo per tutti.

  2. Bravissimi! Spero che siano ampiamente supportati e che quel maledetto e pericoloso bastardo paghi tutte le conseguenze di un gesto crudele e sconsiderato.
    Uno che fa una cosa del genere merita di essere licenziato immediatamente e non deve detenere armi!
    Dai Colonel! Ti auguro una lunga vita … lontano da mostri umani e da crudeltà!

  3. Bene ! Forza Colonel e forza Phillips

  4. Hanno fatto bene. Uno così dovrebbe essere ficcato dietro una scrivania a mettere timbri su fogli bianchi per il resto della vita… come i nostri che corcano di mazzate la gente alle manifestazioni (e non solo)

  5. Che schifezza…… ma perchè non lo mandano a spalare quel poliziotto? Non merita di portare una divisa nè tantomeno di fregiarsi dell’appellativo di tutore dell’ordine!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com