Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / New Jersey: appena aperta la caccia all’orso, già massacrati 55 esemplari

New Jersey: appena aperta la caccia all’orso, già massacrati 55 esemplari

Una vera e propria mattanza si è consumata soltanto nel primo giorno di caccia all’orso, apertasi ieri nello Stato americano del New Jersey: sono stati ben 55 gli esemplari a cadere sotto le fucilate dei cacciatori.

Le proteste non sono mancate, grazie ad una rappresentanza di oppositori che si sono presentati sul posto muniti di cartelli, per protestare pacificamente.

Mentre gli attivisti silenziosamente si opponevano alla strage, una femmina adulta veniva massacrata e recuperata dopo ore di lavoro per essere caduta all’interno della fitta boscaglia.

Nei prossimi giorni di caccia, che dovrebbe durarne sei in tutto, i cacciatori intendono uccidere dai 300 ai 500 esemplari per – a loro dire – tenerne sotto controllo una proliferazione altrimenti incontrollata.

“Questi cacciatori uccidono solo per sport e utilizzano i soldi dei contribuenti per farlo”, dichiarano i manifestanti. “Ci sono lavoratori statali, qui, che potrebbero aiutare le vittime dell’uragano Sandy invece di facilitare tutto questo. La nostra protesta serve a mettere in luce quanto questa caccia si orribile, ricreazionale e finalizzata soltanto a sfoggiare trofei”.

Tra i cacciatori, anche alcuni bambini autorizzati dai genitori a saltare la scuola in occasione dell’evento. Tra gli animali uccisi, anche alcuni cuccioli. Tra i sopravvissuti, molti orfani.

Nel corso degli ultimi tre anni di caccia, la popolazione degli orsi nella zona è stata ridotta del 43%, a detta di Larry Ragonese, del New Jersey Department of Environmental Protection.

Nonostante quella che viene definita una “presenza massiva” di orsi sul territorio, negli ultimi due anni non sono mai stati registrati casi di aggressione verso l’uomo.

Solo nel 2011, oltre 9000 permessi di caccia sono stati rilasciati per massacrare all’incirca 500 orsi.

Nella foto: un cucciolo ucciso pronto per essere caricato in auto (fonte NJ.com).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Un altro motivo probabile da aggiungere a questa aberrazione è il fatto che riducendo la popolazione dei plantigradi locali – e di conseguente il loro habitat naturale – si possono iniziare ad elaborare politiche urbanistiche ai danni dell’ambiente naturale ancora non cementificato e iniziare a farsi spazio per l’edificazione secondo me.

    Per il resto la cosa che più mi turba e spaventa è che ci siano bambini che vengono istruiti a compiere questi crimini. Perchè sono soltanto crimini e basta.

    “Ci sono lavoratori statali, qui, che potrebbero aiutare le vittime dell’uragano Sandy invece di facilitare tutto questo.”

    Che cazzo aggiungere, se si sparassero a vicenda sarebbe un’opera di bene!

  2. ASSASSINI SIATE MALEDETTI PER SEMPRE VOI E LE VOSTRE FAMIGLIE! CHE TUTTO IL MALE E LA SOFFERENZA CHE PROVOCATE AGLI ANIMALI, POSSANO RIVERSARSI SPIETATE NELLA VOSTRA VITA E IN QUELLA DELLE PERSONE A CUI TENETE DI PIÙ!!! AFFINCHÉ POSSIATE TOCCARE CON MANO COSA SI PROVA A PERDERE INGIUSTAMENTE LA PROPRIA FAMIGLIA E POSSIATE CAPIRE QUANTO FA SCHIFO E QUANTO SIA IGNOBILE QUELLO CHE FATE A INTERE INNOCENTI FAMIGLIE DI ANIMALI!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com