Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / New York: finalmente approvato il pubblico registro degli aguzzini di animali

New York: finalmente approvato il pubblico registro degli aguzzini di animali

Gli aguzzini di animali residenti a Westchester County, nello Stato di New York, saranno ben presto oggetto di pubblica gogna grazie all’istituzione ufficiale di un registro con le loro generalità.

La questione era stata resa nota lo scorso settembre, quando lo Stato americano aveva iniziato a discutere della possibilità di parificare gli aguzzini di animali ai sex offender, ossia ai predatori sessuali. La Westchester County Board of Legislators ha ora approvato la mozione con voto unanime.

La nuova legislazione non prevederà soltanto che i condannati per reati di crudeltà verso gli animali vengano inclusi in un pubblico registro, ma anche la proibizione al possesso, all’adozione e alla cura delle loro potenziali vittime.

La decisione – ribadiamo, unanime – è stata basata sull’inestricabile connessione tra violenza sugli animali e violenza sugli esseri umani.

Roxanne Beecher, del Comitato Legale per gli Animali della Contea, ha dichiarato: “Il 71% delle donne picchiate o abusate riporta che l’aguzzino ha ucciso o ferito anche animali. Il 32% delle madri picchiate riporta che i figli sono responsabili di abuso e uccisione di animali. Dal 25% al 48% delle donne vittime di abusi riporta di aver tardato nella denuncia per paura che l’animale di famiglia fosse vittima di ritorsioni”.

La Beecher ha aggiunto inoltre che “il 40% delle donne vittima di violenza domestica ha riferito di essere stato costretto a rapporti sessuali con gli animali. Il 48% degli stupratori ha commesso abusi verso gli animali in età adolescenziale, e il 30% dei molestatori di bambini ha anch’esso commesso azioni di crudeltà animale. Infine, il 15% dei sex offender ha proceduto allo stupro di animali“.

Dati sconcertanti che non stupiscono nella sostanza ma lasciano senza parole nella loro cruda esposizione numerica.

Ci si augura ora, con l’istituzione del pubblico database, che tanto gli animali non umani quanto i bambini possano ricevere maggiore protezione dai loro molestatori. In particolare, i minorenni non verranno sistemati in famiglie adottive in cui sia presente un aguzzino di animali.

Foto: repertorio (fonte AmazonCares-Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Sarebbe una buona soluzione, individui del genere vanno tenuti continuamente sotto controllo e discriminati.

    In un mondo più pulito questi sarebbero materiale combustibile.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com