Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / USA: raid su larga scala per salvare 65 cani utilizzati nei combattimenti clandestini

USA: raid su larga scala per salvare 65 cani utilizzati nei combattimenti clandestini

Un raid su larga scala portato a termine nella città di Ashland, nello Stato americano del Tennessee, ha permesso di soccorrere 65 cani destinati ai combattimenti clandestini.

La notizia è stata pubblicata nelle scorse ore dal sempre puntuale ed informatissimo quotidiano Examiner.

I cani sono stati individuati dai Vigili del Fuoco intervenuti per spegnere un incendio in una proprietà privata, durante il giorno del Ringraziamento.

Dozzine di cani, prevalentemente di razza pitbull, e alcuni beagle, sono stati trovati legati all’interno della proprietà con pesantissime catene. Altri animali, cuccioli, erano rinchiusi all’interno di gabbie arrugginite. Inutile anche specificare che l’accesso a cibo e acqua era pressoché impossibile per tutti.

Per soccorrere tutti i cani è stato necessario l’intervento e la collaborazione di numerose organizzazioni, tra cui la polizia del posto, l’Animal Rescue Corpo, il Cheatam County Animal Control, le associazioni New Leash on Life e Agape Animal e persino lo staff dello zoo di Nashville.

Secondo l’Animal Rescue Corp, l’operazione è “il più ampio soccorso a cani di combattimento mai portato a termine nello Stato del Tennessee”.

“Le condizioni in cui gli animali sono stati ritrovati sono le peggiori che io abbia mai visto nel corso di un raid per sgominare combattimenti clandestini”, ha aggiunto il presidente dell’associazione Scotlund Haisley.

I sessantacinque cani soccorsi sono stati trasferiti d’urgenza in un rifugio di emergenza di Nashville. Di loro si prenderà cura l’Animal Rescue Corp e, successivamente, saranno dati in adozione.

Il raid ha preso il nome di “Operation Broken Chain”.

Nella foto: uno dei cani soccorsi durante il raid (fonte Examiner).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Se non fosse stato che a causa dell’incendio sono stati scoperti questi cani…
    Speriamo che dopo questa siano più attivi in merito alla questione dei combattimenti.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com