Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Vogogna: non solo acqua ma anche candeggina nella vasca per annegare i gatti

Vogogna: non solo acqua ma anche candeggina nella vasca per annegare i gatti

Emergono nuovi, inquietanti particolari nella vicenda degli otto gatti affogati da una squilibrata a Vogogna.

Della vicenda avevamo già parlato ieri, in questa news.

La responsabile del brutale atto di abuso, che ha portato alla morte per annegamento di otto esemplari, è una donna con problemi di alcolismo e malattia mentale.

I veterinari dell’ASL VCO hanno constatato la morte di otto degli animali catturati dalla donna. Soltanto l’ultimo gatto è riuscito a sfuggire all’annegamento nella vasca da bagno dell’abitazione.

Quel che si scopre ora è che i gatti erano randagi ma che, alimentati da qualche anno dalla donna, avevano infine preso l’abitudine di entrare nella sua abitazione, forse in cerca di riparo e di un po’ di calore. È stato quindi piuttosto facile, per l’anziana, catturarli e chiuderli in bagno con sé per ucciderli.

La vasca da bagno nel quale gli animali sono stati annegati non era stata riempita soltanto di acqua, ma anche di detersivi vari, di candeggina e ammoniaca.

I gatti hanno cercato di difendersi come hanno potuto, ossia mordendo e graffiando la squilibrata, ma l’acqua e il veleno hanno infine prevalso e per loro non c’è stato scampo.

Pare confermato che la donna verrà denunciata per i reati di maltrattamento e uccisione di animali. Ancora incerta la “sorte giudiziaria” del marito, che – è comunque accertato – non ha mosso un dito per evitare le uccisioni.

Foto: repertorio (fonte Neal-Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com