Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / I cavallini della Giara soccorsi e ricoverati stanno un po’ meglio

I cavallini della Giara soccorsi e ricoverati stanno un po’ meglio

Stanno un po’ meglio i cavallini della Giara soccorsi e ricoverati negli scorsi giorni. Gli animali erano stati ritrovati stremati dalla fame.

È il quotidiano La Nuova Sardegna a riportare ora che la femmina gravida si è alzata in piedi e forse, in queste ore, potrà terminare la terapia intensiva.

Con lei, un puledrino maschio ritrovato dai volontari. I due cavalli si trovano ancora nel capannone messo a disposizione per i soccorsi dal Comune di Tuili, e mangiano fieno da soli.

La cavallina soccorsa invece qualche giorno fa dopo essere stata individuata a terra e mutilata di un orecchio è invece ancora in condizioni assai delicate.

La veterinaria volontaria che si sta occupando dei cavallini, Stefania, è però abbastanza ottimista: “Dovrebbe farcela. Ha necessità di un altro ciclo di flebo perché ancora non mangia. Ma siamo riusciti a sverminarla e sono ottimista”.

I cavallini della Giara sono totalmente ignari della bagarre politica in corso tra il deputato PdL Mauro Pili, che ripete di non sottovalutare l’emergenza, e l’Assessore Regionale all’Ambiente Oscar Cherchi, che invece sostiene che gli animali, in fondo, se la passino bene.

Secondo Cherchi, ci sono nette differenze “tra l’azienda agricola regionale e i cavallini liberi” mentre gli esemplari “comunali” sarebbero ridotti a pelle e ossa: per loro sarebbero stati stanziati gli scarsi fondi dei Comuni e sarebbero costanti gli interventi dei volontari.

Escludiamo che i cavallini abbiano coscienza di appartenere all’una o all’altra categoria.

Il sindaco di Tuili Tonino Zonca sostiene che “la situazione è grave ma non drammatica, è sempre così all’inizio dell’autunno. Ringrazio i volontari che hanno recuperato i due cavallini e quanti ci aiutano nella distribuzione del fieno. Il vero problema è che da anni i cavallini pubblici non sono stati più curati né microchippati e non abbiamo neppure un’idea della reale consistenza dei branchi”.

Secondo quanto riportato da Geapres e riferito da Stefano Deliperi della LAC, l’area della Giara sarebbe un vero Far West, un territorio afflitto da piaghe annose rappresentate da vandalismo, abusi su demani civici, pascoli abusivi e persino bracconaggio.

Nella foto: i cavallini soccorsi e ricoverati (fonte La Nuova Sardegna).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Marilena Albiero

    Sì qui in questo cazzo di paese ci deve sempre scappare il morto perchè le istituzioni dimostrino di respirare. Poveri cavallini che “se la passano abbastanza bene” dice il sindaco con la pancia piena!

  2. Certo, bisognava arrivare allo scandalo sui tg nazionali e sui giornali per iniziare a fare qualcosa.
    Tanto si sa chi comanda in Sardegna e che fine fanno i soldi stanziati, altro che chiacchiere.

    Gentaglia che dice che quei cavalli se la passano bene è evidente che non abbia mai patito la fame, anzi chissà quanto avrà mangiato sopra tutto e tutti!

    Per fortuna ci sono i volontari che se ne curano, sempre a spese loro e sempre con grande sacrificio. Grazie a tutti Voi!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com