Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Bologna: la volpe presa nella tagliola ha perso la zampa. Non tornerà libera

Bologna: la volpe presa nella tagliola ha perso la zampa. Non tornerà libera

Brutte notizie per la piccola volpe presa in trappola da un bracconiere a Bologna, negli scorsi giorni.

La tagliola le ha maciullato la zampa, che è persa, è l’animale non potrà tornare libero.

Il bracconiere, già noto per episodi simili (risolti con una sanzione) era stato colto in flagranza di reato da un guardaparco del Parco dei Gessi, ed era stato denunciato: del fatto abbiamo parlato ieri, in questa news. L’uomo era stato fermato proprio mentre stava per uccidere la volpe intrappolata a colpi di forcone.

Le condizioni della volpe, ricoverata presso il Centro Recupero Animali Selvatici di Brento, non sono buone.

Le associazioni animaliste e ambientaliste che si sono interessate della vicenda (LAV, WWF, Lega per la Difesa del Cane, Bologna Zoofila, La Compagnia degli Animali, Cruelty Free, LAC, LIDA, LIPU, OIPA, Pianeta Zeta, Quelli della Notte e Animal Liberation) sottolineano che semmai riuscirà a sopravvivere, non potrà comunque mai più condurre una vita in libertà e dovrà quindi essere trattenuta per sempre in una struttura di ricovero.

La battaglia legale si annuncia infuocata: le associazioni vorrebbero che lo stesso Parco dei Gessi si attivasse per ricevere un risarcimento per il danno ambientale causato. Non solo: si costituiranno parte civile nel processo contro il bracconiere.

In una nota congiunta, le associazioni dichiarano: “Chiederemo che al bracconiere venga contestata l’aggravante del maltrattamento ai sensi del Codice Penale e che venga condannato al mantenimento della volpe mutilata”.

Foto: repertorio (fonte Harlz_Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Marilena Albiero

    Era recidivo questo “campione”! Ma naturalmente solo sanzioni chissà poi se veramente pagate. Naturalmente mai un nome quando si tratta di maltrattamenti verso gli animali, la privacy che è una barzelletta tutta italiana qui funziona alla grande! Concordo con Pechinghi mai che si infili in una tagliola il bracconiere o qualcuno dei suoi accoliti!

  2. Per una volta,solo una volta nella vita, perche’ in quelle maledette tagliole non ci finisce chi ce le ha messe?Con conseguente taglio della gamba?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com