Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Appennino bolognese: il lupo disabile accudito dal suo branco e balia dei piccoli

Appennino bolognese: il lupo disabile accudito dal suo branco e balia dei piccoli

Il lupo che vedete in queste belle immagini riportate da Repubblica vive sull’Appennino bolognese.

Non è, però, un lupo come tutti gli altri, perché è disabile. Nel 2008, infatti, un cacciatore gli sparò e lo centrò in pieno alla zampa posteriore sinistra. Il lupo, quella zampa, la perse.

Questo esemplare, una femmina nata nel Parco Regionale dei Gessi, non è mai stata allontanata dal suo branco.

Al contrario, i suoi intelligenti e sensibili compagni sembrano averne compreso appieno la disabilità e si sono stretti attorno a lei, prendendosene cura. Normalmente, i cuccioli attorno all’anno di età vengono allontanati.

Per questa femmina non è stato così: accudita, è diventata a sua volta una balia per le cucciolate del branco.

I guardaparco bolognesi e i ricercatori del Laboratorio di Genetica dell’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) la definisco una “Helper”, ossia “un lupo che si prende cura di altri cuccioli”.

Una sorta di sorella maggiore cui tutti gli altri si affidano, in un interscambio di amore e supporto dal quale l’essere umano avrebbe solo da imparare.

Foto: la lupa tripode assieme a due cuccioli (fonte Tiziano Fusella-Repubblica).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. MARI, sono completamente d’accordo, brava questo è assolutamente vero!

    Grandissima lezione di vita, grazie lupetti. 🙂

  2. meravigliose creature… bellissime, complesse e intelligenti… per questo gli uomini non le capiscono e li perseguitano da secoli, sono oltre la nostra miope visione antropocentrica.

  3. C’era una volta un uomo, che viveva in una bella e calda e comoda casa. Quest’uomo era tanto malvagio, ma un giorno scese il lupo dal monte e lo sbranò.
    Così, tutti poterono finalmente vivere felici e contenti.

    P.S. Cappuccetto Rosso m’è stata sempre sulle OO…

  4. dovremmo imparare tanto da loro ogni giorno gli animali ci dicono a fatti che i veriUMANI sono loro e io approvo al 100 per 100

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com