Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / [VIDEO] Cina: l’osceno rituale di tagliare le corna al cervo vivo per berne il sangue

[VIDEO] Cina: l’osceno rituale di tagliare le corna al cervo vivo per berne il sangue

È il sito Orsi della Luna a puntare i riflettori sull’ennesima, oscena tradizione medico-culinaria asiatica: bere il sangue cavato dalle corna di un cervo “perché fa bene”.

Il sangue fresco di cervo (vivo) dovrebbe infatti servire a migliorare la salute di chi lo beve.

In un villaggio vicino Nanjing, un pensionato e la moglie hanno messo in piedi, dieci anni fa, una fattoria di cervi sika che è meta di pellegrinaggi senza fine da parte di persone che non aspettano altro che vedere i cervi mutilati dei loro palchi.

Il gestore commenta: “Questi animali, sia per i palchi, prima che diventino d’osso, sia per il sangue e la carne, rappresentano un valore più prezioso delle mucche e delle pecore. Il sangue è buono per la salute”.

Orsi della Luna procede poi a riportare la testimonianza di un giornalista che ha assistito al “rito tradizionale”.

Il cronista racconta che le morbide corna dei giovani cervi vengono recise e, quando il sangue inizia a zampillare, uomini e donne si mettono in fila per berlo.

Gli animali sanno cosa sta per capitare loro, e iniziano ad agitarsi, cercano di scappare. Ma non hanno scampo, e si accasciano a terra dopo che il gestore ha sparato loro addosso una dose di tranquillante.

Gli stallieri, a questo punto, legano le zampe del cervo – sottomesso ma cosciente – mentre l’allevatore ne sega le corna.

Il sangue scorre a fiumi, ed è difficile immaginare il dolore atroce che questi animali sono costretti a sopportare per l’ennesima aberrazione umana.

Talvolta, all’animale viene recisa anche la carotide, in modo che tutti possano beneficiare del suo “benefico” sangue.

Benefico, in realtà, nemmeno poi tanto dal momento che un professore di Medicina Tradizionale presso l’Ospedale della Provincia di Jiangsu spiega che nonostante “le corna, il sangue, la carne e il petto” abbiano “spiccate proprietà medicamentose, in particolare le corna dei giovani esemplari”, ci sono effetti collaterali non da poco.

“Minzione frequente, alta pressione sanguigna e nefrite, aumento degli zuccheri nel sangue”.

Orsi della Luna sottolinea che, in realtà, il sangue di cervo è ricco di parassiti e agenti patogeni assai pericolosi in grado di mettere a serio rischio la salute di chi lo consuma.

Ma fermo restando quanto appena chiarito, questo tipo di procedura sarebbe indegna anche se il sangue di cervo si rivelasse la panacea per tutti i mali.

Già lo scorso anno, il sito ExpressNews aveva dedicato all’argomento un breve dossier, sottolineando come in Kazakistan i cervi siano vittima di un bracconaggio spietato finalizzato proprio all’esportazione in Asia del loro sangue e di altri organi, tutti parte della solita medicina tradizionale.

Un video, che riportiamo in chiusura, mostra la pratica. Potrebbe rivelarsi impressionante per i lettori più sensibili.

Nelle foto: l’orrendo rituale di mutilazione che ha per vittime i cervi (fonte Orsi della Luna).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com