Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / Vergogna Messico: Protezione Civile tortura un cucciolo di orso nero

Vergogna Messico: Protezione Civile tortura un cucciolo di orso nero

La notizia arriva dal sito Orsi della Luna e si riferisce alla brutale vicenda avvenuta a Coahuila, in Messico.

Un cucciolo di orso nero è stato di recente catturato dalla Protezione Civile messicana e torturato dopo essere stato legato crudelmente a tutte e quattro le zampe.

La foto che circola in questi giorni sul web, e che per dovere di cronaca riportiamo in apertura di articolo, mostra un uomo intento a tirargli le orecchie mentre le corde legate alle zampe sono tese, come in un brutale gioco di tiro alla fune. Si nota anche che il cucciolo sembra essersi urinato addosso per il terrore.

Gli attivisti messicani (e non solo) per i diritti animali sono indignati e inferociti, nonostante il responsabile della Protezione Civile Roberto Garcia abbia spiegato che comunque l’animale è vivo.

Secondo Garcia, il cucciolo sarebbe stato catturato e immobilizzato in quel modo perché era un rischio per la collettività. Si riferisce poi ad un gap legislativo per giustificare la brutalità della cattura.

“Il cucciolo è stato catturato in un’area urbana e per questo non esiste un protocollo che stabilisca come debbano essere trattati gli esemplari selvatici che si avvicinano ai centri abitati”.

A quanto riportato da Orsi della Luna, l’ufficiale era piuttosto imbarazzato al momento delle giustificazioni e avrebbe aggiunto che sarebbero stati i residenti del posto ad immobilizzare il cucciolo in quel modo.

In ogni caso, sempre secondo Garcia, i responsabili “saranno perseguiti a norma di legge” e sarebbero “estranei al corpo della Protezione Civile”.

Strano che ne indossino la divisa d’ordinanza nelle foto circolate sul web.

Il piccolo catturato è un orsetto di due/tre anni di età e del peso di 70 chili, per un metro e dieci d’altezza.

Secondo AllVoices, i responsabili dell’abuso non apparterrebbero esattamente alla Protezione Civile quanto al corpo dei Vigili del Fuoco. Se su questo particolare sembra esserci un po’ di confusione, pare invece confermato che chiunque abbia catturato l’orsetto con quelle modalità appartenesse comunque ad un corpo istituzionale.

Sempre secondo AllVoices, sarebbe stato anche girato un video sull’accaduto – poi pubblicato sui social media – e il piccolo avrebbe riportato ferite alla bocca e alle zampe. In effetti, il sangue dalla bocca pare piuttosto visibile nelle foto.

El Paso Times riporta che i responsabili dell’abuso sarebbero stati puniti con una multa di 1170 dollari.

Lo scorso venerdì, l’orsetto sarebbe stato rilasciato dal governo messicano sulle montagne della zona, e sarebbe in buona salute.

Secondo Javier de Jesus Rodriguez, responsabile dei reati ambientali per Coahuila, “i residenti hanno legato l’orso in quel modo. La protezione civile e i pompieri giunti sul posto, invece di aiutare, si sono uniti a loro. Ed è qui che hanno commesso un errore: facendo foto con l’orsetto e permettendo che continuasse ad essere abusato”.

Nonostante l’orso bruno sia dal 1994 una specie protetta in Messico, gli abusi nei suoi confronti non sono rari.

“Queste situazioni capitano in molte fattorie”, spiega Manuel Muzquiz, capo ispettore ambientale per Nuevo Leon, “Riceviamo testimonianze di persone che catturano gli animali, e siccome non hanno l’attrezzatura adatta, li accalappiano con il lazo e poi li legano in quel modo”.

Una petizione è stata creata a questa pagina per chiedere una pena detentiva per i responsabili.

Foto: gli abusi sul cucciolo (fonte Orsi della Luna).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

10 Commenti

  1. Firmo la petizione immediatamente… Queste foto sono tremende, il sangue nella bocca spalancata dal terrore, la pipì per la paura… povera creatura … sarebbe bello che qualcuno di questi bastardi lo reincotrasse tra qualche anno nel suo ambiente naturale, nel pieno della sua maturità, faccia a faccia… chissà come ne verrebbe fuori… probabilmente sarebbe lui a farsela sotto!!!
    Non c’è rispetto per la vita, per il benessere di questi nostri fratelli… siamo proprio il cancro della Terra!

  2. Guardateli li’tutti belli sorridenti nella foto mentre quel povero orsetto…. CHE MERDE!!!!

  3. Andiamo bene! Altro che Protezione civile! Mi pare che siano solamente delle grandissime teste di cazzo! Vorrei che leggessero i nostri commenti! |Speriamo davvero che l’orsetto sia stato rilasciato e soprattutto che stia bene!

  4. Andassero a fanculo bastardi!!

  5. 100% concordi, poi guarda com’era aggressivo e pericoloso… s’è pisciato sotto, povero!

  6. “Il cucciolo è stato catturato in un’area urbana e per questo non esiste un protocollo che stabilisca come debbano essere trattati gli esemplari selvatici che si avvicinano ai centri abitati”

    … con un po’ di rispetto. Non mi sembra così difficile e non dovrebbe essere necessario un protocollo di comportamento per trattare con un cucciolo, l’equivalente di un bambino…
    Sono sempre più disgustata.

  7. ma certamente… 🙂

  8. Ad essere onesto, questa gente me la terrei impalata sotto casa, tanto per essere gentile, capiamoci.

  9. quindi a questi signori, no? concordiamo.

  10. Criminali, che cazzo aveva fatto l’orsetto per meritarsi questo?
    Sadici, sono delle merde.
    Questo trattamento andrebbe riservato soltanto a chi prevarica i più deboli, chiunque sia!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com