Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Semonzo, parla l’infilzatore di gatti: “Non ho inforcato nessuno, si è fatto male da solo”

Semonzo, parla l’infilzatore di gatti: “Non ho inforcato nessuno, si è fatto male da solo”

Un mese fa circa avevamo parlato della brutta vicenda capitata ad una gattina di Semonzo che, a seguito di una lite di vicinato, era stata brutalizzata.

Valentino Baron, il proprietario di Milly (salva per miracolo), aveva sporto denuncia contro il suo vicino Gabriele Baron accusandolo di aver infilzato la gattina con il suo forcone, di averla presa a calci e infine ributtata come uno straccio all’interno del giardino di casa.

L’accusato ha in queste ore rilasciato una dichiarazione a Il Giornale di Vicenza, sostenendo di non aver fatto nulla di ciò di cui viene accusato.

“Io non ho inforcato nessun gatto”, dichiara Gabriele Baron, aggiungendo che la denuncia ricevuta sarebbe “priva di ogni fondamento” e basata su fatti “completamente travisati”.

L’uomo continua dicendo che il figlio “soffre la vicinanza dei gatti” per “problemi di salute” e che il suo “compito di padre è quello di difenderlo”. Di conseguenza lui e la moglie sono “oltremodo attenti nell’impedire che gatti e animali si avvicinino a lui, sempre rispettandoli e senza arrecare loro danni”.

E allora cosa sarebbe successo? Come avrebbe fatto la gattina Milly a trafiggersi con un forcone, procurandosi lesioni così gravi da richiedere l’immediato ricovero presso un ospedale veterinario?

Secondo Gabriele Baron, Milly avrebbe fatto tutto da sola.

“Ho cercato di fare uscire il gatto spaventandolo con la forca che avevo in mano perché stavo per impilare il fieno. Il gatto è scappato verso la rete di recinzione che divide la mia abitazione da quella di mio fratello Natale e di suo figlio Valentino. Correndo, l’animale è finito contro la rete che protegge alcune piante. Rimbalzando è poi caduto, ferendosi contro alcuni ferri conficcati nella recinzione”.

Sarà la magistratura a decidere se la versione dell’uomo sia attendibile o meno.

Nella foto: la recinzione incriminata (fonte Il Giornale di Vicenza).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. ciao valentino, non sappiamo se hai visto che avevamo già parlato della vicenda qui: http://www.all4animals.it/2012/09/21/semonzo-litiga-col-vicino-e-infilza-col-forcone-la-sua-gatta-salva-per-miracolo/
    fermo restando che non siamo naturalmente gli inquirenti, a nostro modesto parere la versione del tuo vicino di casa fa acqua da tutte le parti.
    siamo con te!
    un bacio a milly.

  2. sono il proprietario della gattina Milly , ed il padre dei bambini che hanno assistino al fatto , non possono dimenticare loro ciò che hanno visto , se questa persona si vuole lavare la reputazione lo faccia pure , solo che le cose sono andate come ho raccontato io al giornale , caspita e vuole anche far passare che nessuno ha visto e i miei figli non c’erano … che tristezza , certo che la sua versione non sta in piedi , era meglio chiedesse scusa per la brutalità che si sono portati apresso i bambini per diverse notte con incubi e grida !!! mi fa pena … spero sia contento adesso , la sua ragione gliela lascio …. ( Baron Valentino)

  3. soprattutto l’ultima!

  4. Di solito le estremità delle reti per recinzione di questo (ma anche altri) tipo finiscono con un romboide della maglia integro, quindi è impossibile ferirsi in alcun modo.

    Un individuo che prende deliberatamente un forcone ed infilza spietatamente una gattina inerme è pericoloso per la società.
    Ed è anche un pezzo di merda!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com