Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / USA: alla festa dei pitbull, avvelenatore colpisce e uccide cuccioli

USA: alla festa dei pitbull, avvelenatore colpisce e uccide cuccioli

Gli Stati Uniti chinano vergognosamente la testa dopo le ultime notizie che vogliono alcuni cuccioli di pitbull avvelenati a morte nel corso del Pitbull Awareness Day, la giornata di sensibilizzazione sulla razza.

La vicenda, riportata da Care2, arriva dalla Pennsylvania, Stato americano non particolarmente evoluto nel suo trattamento degli animali.

Le vittime dell’avvelenamento di massa sono sei cuccioli di pitbull di sole otto settimane di vita, che sono stati colpiti dagli aguzzini proprio mentre si trovavano a partecipare ad una manifestazione di sensibilizzazione nella città di Hollidaysburg.

L’associazione ADBBR, specializzata nel salvataggio di molossi, aveva portato i piccoli alla prima edizione del Pit Bull Awareness Day, lo scorso 13 ottobre.

Verso le due del pomeriggio, una dei fondatori dell’evento, Renae Metz, si è accorta che uno dei cuccioli, Yogi, non stava bene.

“Aveva lo stomaco gonfio, gli occhi distanti e non riusciva a tenere su la testa”, dichiara l’attivista.

Yogi è stato trasportato d’urgenza all’Ebensburg Animal Hospital, dove è spirato senza che nessuno potesse fare nulla per salvarlo.

Gli altri cinque cuccioli rimasti vittima dell’avvelenatore – Niayah, Mongy, Aramis, Deacon e Takoda, sono stati ricoverati poco dopo in gravi condizioni. Nell’arco di qualche ora, anche Takoda ha purtroppo smesso di vivere.

Gli esami autoptici eseguiti sui corpi dei cuccioli deceduti hanno confermato la morte per avvelenamento.

Brittany Miller, un’altra fondatrice dell’ADBBR, ha dichiarato che si sospetta un avvelenamento a base di candeggina somministrata direttamente nelle ciotole dell’acqua. L’assunzione della sostanza avrebbe causato emorragie interne a livello del fegato.

Tutti i cuccioli colpiti erano stati sottoposti a check up veterinario solamente due giorni prima dell’evento e godevano di ottima salute.

Ora, l’associazione offre una ricompensa di 2500 dollari a chiunque sarà in grado di mettere gli inquirenti sulle tracce degli aguzzini.

La cifra è stata raccolta con le donazioni delle famiglie adottive dei cani e di numerosi cittadini molto colpiti da quanto successo. Un cittadino in particolare ha, da solo, donato ben 1000 dollari.

Al momento, sia la Polizia della Pennsylvania che le Guardie Zoofile statali stanno investigando sull’accaduto.

I cuccioli sopravvissuti sono fortunatamente già stati tutti consegnati alle famiglie adottive che ne avevano fatto domanda.

Nella foto: Aramis, uno dei cuccioli avvelenati (fonte Care2).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com