Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / [VIDEO] Brasile shock: nel negozio di toelettatura animali sottoposti a brutali sevizie

[VIDEO] Brasile shock: nel negozio di toelettatura animali sottoposti a brutali sevizie

Immaginate di lasciare il vostro cane in un negozio di toelettatura, di fidarvi di chi lo gestisce tanto da affidargli il vostro migliore amico. Immaginate poi di scoprire che, mentre non c’eravate, il vostro inerme amico a quattro zampe è stato sottoposto a violenze e sevizie.

Questo è esattamente il modo in cui devono essersi sentiti i proprietari dei cani lasciati in un pet shop brasiliano, dopo aver visto, diffuso sulle rete nazionali, un video che mostrava le atrocità subite dagli animali mentre i loro familiari umani erano assenti.

La notizia sta ora facendo il giro del mondo.

Le riprese sono state filmate di nascosto da una delle impiegate del posto, La Quatro Patas (Le Quattro Zampe), negozio di animali che offriva anche il servizio di toelettaura a Rio de Janeiro.

Protagonista delle violenze è il figlio del proprietario, il 20enne Daniel Barroso. Teoricamente, il ragazzo avrebbe dovuto essere responsabile del lavaggio dei cani.

In pratica, quello che faceva era prenderli a pugni e schiaffoni, sbatterli a terra e contro il muro, colpirli sulla testa con vari oggetti e immobilizzarne muso e zampe.

In particolare ha molto colpito il video di Thor, un docile e buono Labrador che, per tutta la durata del bagno, è stato preso a pugni e calci senza mai tentare la minima reazione.

La sua proprietaria ha commentato: “Sono assolutamente inorridita. L’ho portato lì ogni settimana. Non avrei mai immaginato che potesse accadere qualcosa del genere”.

La collega di Barroso ha deciso di denunciare quanto avveniva all’interno del negozio nella maniera più diretta possibile, probabilmente nel timore di non essere creduta. Il video, come già accennato, è stato poi trasmesso su tutte le reti nazionali brasiliane suscitando indignazione generale.

Ha dichiarato l’impiegata che lo ha filmato: “Le aggressioni e i maltrattamenti sono stati costanti e gli animali piangevano per il dolore. Alcuni lasciavano la stanza feriti e traumatizzati dalle percosse”.

I proprietari dei cani colpiti da Barroso hanno cercato giustizia privata tentando di distruggere le vetrine del negozio, tanto che la polizia è stata costretta a presidiare la zona per evitare disordini.

La proprietaria del negozio di tolettatura Solange Barroso si è dichiarata estranea ai fatti, ma il fatto che di tanto in tanto venga notata all’interno delle riprese fa dubitare gli inquirenti della sua versione.

Per il momento, la licenza del negozio è stata sospesa e un’inchiesta è stata aperta sugli abusi. In Brasile il maltrattamento di animali può essere punito con la pena carceraria fino a sei mesi.

Non è la prima volta che la nazione sudamericana ricorre ai filmati amatoriali per denunciare gli abusi: la scorsa primavera, un uomo fu costretto a riprese video per denunciare gli abusi sessuali che il suo vicino di casa compiva sistematicamente su alcuni cani (qui la notizia).

Alla fine dello scorso anno, invece, alcuni residenti filmarono una donna che si accaniva brutalmente contro un cagnolino, fino ad ammazzarlo di botte. Ne avevamo parlato qui.

Di seguito: il video delle violenze all’interno del pet shop, la cui visione potrebbe disturbare i lettori particolarmente sensibili.

Nella foto: una scena del video.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. personalmente prima di sfondargli il negozio, gli avrei fatto sfondare “qualcos’altro”.
    Spero che in carcere, provvedano in tal senso!
    Verme schifoso!!

  2. Mostrooooo!!!!! Crepa!!!!!!

  3. ehm sì johnny, per rispondere alla tua domanda… 😀 questo è quel che si ottiene a scrivere di mattina presto quando il venerdì sera sei stato fuori fino alle 3: cervello in pappa! correggiamo!

  4. Pezzi di merda, dovete fare una brutta fine, purtroppo questa gente è ovunque.
    Daniel Barroso devi morire, hanno fatto bene a sfondargli il negozio, li devono impiccare!

  5. Sì, i cani fortunatamente sono in salute con i loro padroni…
    ma i cani non dimenticano. E’ pure scientificamente provato… non dimenticano

    che merde al mondo, indegne di essere chiamate “uomini”

    ho pianto guardando quel video e non riesco a non pesarci, e comunque 6 mesi di galera sono una nullità
    brutto schifoso.

  6. MI domando:possibile che i proprietari dei cani non si siano accorti di nulla? Se realmente(e sinceramente ci credo) venivano maltrattati con calci…erano sempre perfetti quando arrivavano le persone a riprenderseli?Possibile che non avessero nulla fisicamente e psicologicamente???MAAAAHHHHH!!!!!!

  7. repressi bastardi..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com