Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / USA: fece ingoiare oggetti a due cani, uno morì. Finirà in prigione

USA: fece ingoiare oggetti a due cani, uno morì. Finirà in prigione

Finirà in prigione per un arco di tempo variabile dai 4 agli 8 anni la donna responsabile delle pesanti torture inflitte a due cani.

La 35enne Jamie Labbe, arrestata la scorso anno nel New Hampshire per aver crudelmente abusato di due pastori tedeschi, è stata condannata venerdì alla pena detentiva dalla giudice Marguerite Wageling.

La giudice ha motivato la sentenza definendo il caso come uno dei peggiori mai affrontati in ventisette anni di carriera, e valutando la Labbe un pericolo per la società tutta: “Sono estremamente preoccupata per il pericolo che questa donna rappresenta per la comunità”.

È concorde con lei anche il pubblico ministero Thomas Reid, che spiega come la tortura nei confronti dei cani fosse “intenzionale, premeditata e atta a terrorizzare e manipolare”.

Jamie Labbe venne arrestata per aver spinto oggetti di varia natura nella gola dei cani, appartenenti al fidanzato Kurt Krohn, in un atto di vendetta nei confronti dell’uomo.

Uno dei due pastori tedeschi morì a causa delle torture inflitte, dopo che la Labbe gli aveva spinto in gola un tubo di metallo e una pinza. L’altro è sopravvissuto a seguito di un delicato intervento chirurgico che ha rimosso, dal suo stomaco, altri oggetti, come un accendino di acciaio.

Ad entrambi i cani era stato somministrato anche del liquido per freni, naturalmente tossico se ingerito.

L’avvocato difensore della donna, Thomas Gleason, ha annunciato che ricorrerà in appello adducendo ai presunti problemi psicologici della sua cliente, nella fattispecie depressione.

Gleason ha inoltre contestato la decisione del giudice sostenendo che fare del male a un animale non è paragonabile a fare del male ad un essere umano: “I diritti animali non possono essere parificati a ciò che accade alle persone. I cani sono cani e gli uomini sono uomini”.

Infine, l’avvocato ha richiesto al giudice di lasciare la Labbe in libertà fino all’appello.

Il giudice ha negato la richiesta, spiegando che il fatto che i problemi di abuso di droga e alcol della donna vanificano la possibilità di uscita su cauzione.

Nella foto: Pebbles e Magic, i due cani torturati dalla Labbe. Pebbles non è sopravvissuto (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. cavoli ci fosse anche in italia una pena dai 4 agli 8 anni per maltrattamento animali…..!!!

    dimenticavo da noi neanche agli assassini !!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com