Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Mirano: rubate cento anatre dal parco, non se n’è accorto nessuno

Mirano: rubate cento anatre dal parco, non se n’è accorto nessuno

Come sia stato possibile che cento anatre, venti tra colombelle e tortore e decine di carpe siano sparite in una sola notte senza che nessuno si accorgesse di nulla, è un mistero.

Eppure è capito, nel parco Belvedere di Mirano, non lontano da Venezia.

La razzia è stata compiuta nella notte di domenica scorsa ma la notizia è diventata di dominio pubblico soltanto qualche giorno dopo.

I volatili e i pesci, che sono stati pescati abusivamente, erano i veri e propri abitanti del parco – molto frequentato dai bambini che avevano trovato nelle anatre, ormai addomesticate, compagni pennuti da accarezzare.

Sembrerebbe esclusa l’ipotesi che le anatre e gli altri uccelli siano migrati per l’inverno, perché non lo avevano mai fatto e avevano, purtroppo, conservato ben poco della loro indole selvatica e diffidente. Forse il nocciolo della questione sta proprio qui: anatre che si fanno tranquillamente avvicinare e prendere in braccio sono facilissime da catturare.

Dei circa 140 esemplari stanziali nel parco rimangono ora una trentina scarsa. Sono sparite anche circa venti colombelle e tortore cresciute in cattività in una voliera.

Secondo alcuni residenti della zona, bisognerebbe investigare su un gruppo di persone che, poco prima della sparizione degli animali, era stato notato pescare abusivamente nel fiume, addirittura utilizzando delle reti.

Le speranze di ritrovare vivi gli animali sono esigue, quasi nulle. È assai probabile che chiunque li abbia catturati li abbia poi uccisi per mangiarli.

Un frequentatore del parco commenta: “La sola idea che possano essere stati mangiati provoca non solo sconcerto, ma anche ribrezzo, visto che la loro carne non è buona e vivono da sempre in acque salmastre”.

A prescindere dalla bontà o meno della carne, la questione è sconcertante comunque: animali indifesi, fiduciosi, sono stati prelevati mentre dormivano. Rubati come oggetti, probabilmente distrutti come tali.

Foto: repertorio (fonte Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Ecco brava!

  2. Marilena Albiero

    Spero solo che i poveri animali restino nel gozzo di questi infami! d’altronde in Veneto è tutto un susseguirsi di cacce illegali, le trattorie compiacenti sono piene di allegri mangiatori di spiedi con uccellini che dovrebbero essere protetti, e su tutti questi ingordi veglia sovrana la Lega e Stival che vigila affinchè nessun prezioso cacciatore sia minimamente disturbato!

  3. francescamanimali

    basterebbero le telecamere (magari funzionanti…)

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com