Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Ragusa: sta un po’ meglio il gatto crocifisso e usato come tiro a segno

Ragusa: sta un po’ meglio il gatto crocifisso e usato come tiro a segno

Sta un pochino meglio il gatto crocifisso ad un palo e poi usato come bersaglio vivente a Vittoria, nel ragusano. Dell’episodio avevamo parlato più approfonditamente qualche giorno fa, in questa news.

Salvato in extremis da una coppia di coniugi che si trovava casualmente nella zona, il micio è stato ricoverato con un urgenza presso l’ambulatorio veterinario del dottor Giovanni Stracquadaneo che, successivamente ad alcuni esami, è stato in grado di appurare con maggiore precisione quanto accaduto all’animale.

Il gatto era stato legato per la zampa anteriore destra ad un palo, e ad un altro per la zampa posteriore destra. Le altre zampe erano penzoloni nel vuoto. Successivamente, era stato utilizzato come tiro a segno e raggiunto da alcuni colpi d’arma da fuoco.

La fortuna del gatto è stata quella di non essere stato raggiunto in punti vitali – diversamente non sarebbe sopravvissuto.

La coppia che lo ha soccorso e portato in salvo ha presentato denuncia contro ignoti e l’episodio ha destato scalpore a Vittoria, tanto che il sindaco Pippo Nicosia ha definito la vicenda “turpe e inqualificabile”.

“La città e i cittadini di Vittoria non meritano di essere accomunati a questi selvaggi, gente che meriterebbe pene severissime e che io auspico vengano individuati”, continua il primo cittadino, “soprattutto per distinguerli dai tantissimi cittadini onesti che si occupano con tanto volontariato della tutela degli animali e dell’ambiente”.

Ma anche e soprattutto perché evitino di scatenare la loro violenza su altre creature innocenti, bisognerebbe aggiungere.

Non è la prima volta che Vittoria finisce ai disonori della cronaca per pesantissimi episodi di maltrattamento verso gli animali: solo un anno fa, un cane venne ritrovato con le gambe spezzate. Salvato in extremis, venne successivamente adottato da una famiglia del Nord Italia, secondo quanto diffuso da Il Giornale di Ragusa.

Nella foto: il micio soccorso (fonte).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. ma che gente ce al mondo!!!! ma si annoiano tanto cosi da dover fare del male a questi poveri animali ma sono un pericolo questa gente bisogna veramente fare qualcosa e gravissimo!!!! che shifo di società!per carita’ se qualcuno li conosce bisogna denunciarli senza pensarci due voltearme da fuoco???ma dove siamo finiti’

  2. pena di morte subito!!

  3. E’ una vergogna vivere in un mondo di merda così… dove nn c’è più rispetto per niente e nessuno!!! Certa gente meriterebbe veramente la pena di morte! Mi chiedo persino xkè viene al mondo!!!

  4. corinne ma chi nasconde i nomi?

  5. A morte!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  6. Bruciateli vivi se li prendete, sono un pericolo, vanno eliminati subito questi criminali.

  7. se certa gente merita pene piu’ severe,allora cosa aspettate a dargliele?!?!?!?!nascondere i nomi rende complici,di conseguenza la stessa pena(ovviamente severa)va’ applicata anche a chi avrebbe dovuta infliggerla e non l’ha fatto!!!!!!!!!!!!!!!!

  8. ma che bella gente……complimenti vivissimi…CREPATE !!!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com