Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Livorno: cane si lascia morire al compleanno del padrone deceduto

Livorno: cane si lascia morire al compleanno del padrone deceduto

Si è spento nel giorno in cui il suo padrone, deceduto da alcune settimane, avrebbe compiuto gli anni.

La storia di Padok, un cane meticcio di sette anni di età, arriva da Cascina, nel livornese – ed è una storia d’amore che va ben oltre i limiti della vita terrena.

Padok era stato adottato dalla famiglia Bacci, proprietaria di un bar a San Frediano a Settimo, e aveva una speciale adorazione per il suo umano Giuliano. Uomo e cane erano inseparabili, e non trascorrevano lontano neppure un momento della loro giornata.

Poi Giuliano si è ammalato gravemente, e all’inizio di agosto si è spento.

Padok non ha saputo reagire alla perdita di quel padrone che tanto amava, e ha iniziato a rifiutare il cibo, in una sorta di lento suicidio che ha impressionato profondamente tutti i membri della famiglia Bacci.

La figlia di Giuliano, Maria Luisa, ne parla in Facebook e le sue parole vengono riportate dal quotidiano Il Tirreno: “Il 25 agosto, compleanno di mio padre che si è spento il 6 agosto, è morto anche Padok. Tornando dal funerale trovo il mio cane che non sta bene e rifiuta il cibo. Nei giorni successivi sono state fatte delle visite, ma era tutto ok. Di sicuro gli mancava mio padre ma non potevo mai pensare che proprio la sera del suo compleanno il cane entrasse in coma. Tempo zero e senza soffrire anche lui è morto, come mio padre”.

In silenzio, con dignità, Padok è tornato tra le braccia del suo umano tanto amato.

Buon viaggio a entrambi.

Foto: un uomo e un cane (repertorio. Fonte Flickr).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

14 Commenti

  1. Caro Padok, che senza il tuo amato padrone non potevi più vivere… il tuo immenso dolore, così grande da farti morire…
    Una carezza…

  2. Marilena Albiero

    Non so se esiste un paradiso per gli umani ma sono sicura che esiste per i cani e gli animali tutti e spero, un giorno, di far parte del loro paradiso.

  3. senz’altro e’ in paradiso con il suo padrone mi vengono le lacrime agli occhi

  4. Grazie per aver riportato questa ennesima Storia d’Amore tra un animale ed il suo amico uomo.
    Non mi stupisco delle “bestie”. Mi stupisco (e mi affliggo anche), della bestialità umana.
    Qualora un animale, qualsiasi animale, usi un comportamento “aggressivo”, è sempre da ricercare la causa che lo ha generato.
    Molti umani, invece, spesso compiono nefandezze di ogni genere, senza alcun motivo.
    Ho imparato a non offendere qualcuno chiamandolo “bestia, cane, serpe, verme…”.
    Ed ho imparato, purtroppo, che certi “umani”, di umano hanno davvero molto poco.
    Spero (credo, anzi) che il signor Giuliano ed il suo caro amico Padok si siano riuniti nella Dimensione ove non esistono insensate gerarchie, ma soltanto Amore infinito e puro.
    Ciao, ragazzi. Siate felici, ora!
    Eli

  5. commovente…:-(

  6. MI HA COMMOSSO ALLE LACRIME. AMO I CANI E CHI LI AMA E SEMPRE SAR0′ A LORO DISPOSIZIONE PERCHE’ LA MIA VITA ABBIA UN SENSO. E IL PARADISO PER LORO ESISTE.

  7. Il cane è una creatura incredibile, a volte non riesco a credere quanto sia meraviglioso.
    Soffriva molto evidentemente, adesso sono in pace entrambi.
    Un’altra grandissima lezione di vita, Grazie.

  8. sii…bellissimo..adesso sono insieme…nes gli separeranno..rip..<3<3<3

  9. Un’altro esempio di come i nostri amici animali ci amino….dando anche la loro vita se necessario. E l’uomo cosa farebbe in simili circostanze se i ruoli fossero invertiti?

  10. Non c’è molto da dire se non buon viaggio ad entrambi.

  11. stammati.gennaro

    commovente

  12. Adesso sono insieme sul ponte dell’arcobaleno *__*

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com